Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
20 febbraio 2017 1 20 /02 /febbraio /2017 14:30

Dormo male, dormo poco.
Non è colpa di Emma, lei dorme il sonno dei giusti e l'unico pensiero che ha è la sveglia.
Sono proprio io.
Ed il mio naso, che non funziona.
Apnea amica mia.
E l'ansia, poi? La vogliamo dimenticare così? Dopo una vita insieme? NOOOO.

Ma stanotte ho dormito stranamente cinque ore consecutive.
- Amoremio, ho dormito!!! Però ho fatto un sogno strano.
- Cosa?
- Ho sognato che perdevo i capelli a ciocche. Li pettinavo e venivano via. 
- Brutto!
- E che vuol dire?
- Ma che ne so! Perché vuol dire qualcosa?
- Eh, qualcosa vorrà dire. E poi il terrone della famiglia sei tu!
- Forse vuol dire che devi smettere con la piastra.
- Scemo.

Poi l'ho cercato su Google, eh, ed ha un significato ben preciso.

Perdere i capelli a ciocche vuol dire essere molto stanchi e stressati ed avere necessità immediata di una vacanza.
(Seguono grasse risate registrate)

Inoltre perdere i capelli mentre ci si pettina davanti allo specchio vuol dire che per risolvere i problemi che ci si trova davanti si può contare solo se stessi e nessun altro.

Allegria e buonumore.
Tutte cose che non sapevo, tra l'altro.

 

Stanotte non dormo, che è meglio.

 

Condividi post

Repost 0
19 febbraio 2017 7 19 /02 /febbraio /2017 16:06

In questi giorni il PD è nella bufera. E come al solito, non per particolari scandali etico-moralisti o per questione di soldi, ma perché, da veri maschi, tutti sono certi di avere il pisello più lungo e gli attributi più idonei al caso.
Non sono (quasi ) mai entrata nella politica attiva e soprattutto mai mi sono tesserata a nessun partito, nessuno mi ha mi davvero rappresentato in tutto e per tutto.
Eppure, dall'inizio della mia memoria politica, mi sono sempre definita di sinistra.

Alla luce di tutti questi onanismi, ha ancora senso definirmi tale? Ma soprattutto, cosa vuol dire essere di sinistra oggi per me?
Facciamo una breve lista esemplificativa:
1) essere di sinistra per me vuol dire credere che tutti, senza distinzione di colore, nazionalità, religione, affettività o sessualità abbiano gli stessi diritti e gli stessi doveri. Che tutti, se lo vogliono, possono sposarsi. Oppure anche no. Che tutti possono amarsi, riprodursi e commettere gli stessi errori da genitori. Che tutti possono vivere come meglio credono, basta non vadano ad inficiare la libertà degli altri.
2) essere di sinistra per me vuol dire credere nell'inclusione, a scuola e nella vita di tutti i giorni; in un futuro più bello dove diverso non voglia dire sbagliato, ma solo di un altro colore, dove essere giudicati per le proprie scelte personali sia solo un ricordo.
3) essere di sinistra per me vuol dire augurarmi che mia figlia possa crescere in Europa come cittadina di una entità più grande, restando fiera di essere italiana.
4) essere di sinistra secondo me oggi vuol dire credere in uno stato laico, che tutela tutte le religioni e non piazza crocifissi per alimentare l'abitudine popolare.
5) essere di sinistra per me vuol dire applicare nella mia quotidianità tutta l'empatia di cui sono capace per aiutare la gente e fare il meglio possibile per l'azienda per cui lavoro. Spingendo la gente a richiedere contributi che non conosce, facendo divulgazione e pigliandomi anche qualche vaffanculo.
6) essere di sinistra per me vuol dire considerare urgente la riforma dello ius soli, che giace dimenticata in parlamento, perché bambini come Nour, Emma e Aaron possano crescere insieme con gli stessi diritti e le stesse prospettive future.

No, il PD non mi rappresenta, ma nemmeno SI capace negli anni di star solo lì a guardarsi i piedi ed a sforzarsi di cambiar nome per trovarne uno incisivo. No, non ci siete ancora riusciti.
Ma anche se nessun partito mi rappresenta, non posso far a meno di essere me stessa e quindi di essere di sinistra.

Però datevi una regolata, cazzo, eh.




 

Condividi post

Repost 0
13 febbraio 2017 1 13 /02 /febbraio /2017 14:00

Oggi è un giorno importante.
Oggi è il giorno catartico.
Oggi è il giorno in cui Tracker si unisce alla Paw Patrol.
Lo so che probabilmente per voi non vuol dire nulla, ma per me e per l'Amoremio è un giorno di festa, un giorno da ricordare ubriacandosi.

Da oggi in poi nostra figlia smetterà di sbavare davanti alla pubblicità dei nuovi episodi dei Paw Patrol e smetterà di protestare e baccagliare perché ancora non conosce questo stramaledettissimo cane che vive nella giungla.
Grazie NickJr
Grazie soprattutto di aver iniziato due mesi fa a fare promozione.

Maledetto il demonio e gli inventori di questa serie che rende schiavi i genitori di otto pulciosissimi cani e del loro padrone.
Come fanno ad essere così pervasivi? Mia figlia mette in fila i suoi bambolotti esi inventa una sua Paw Patrol con cui salva gattini e bambini in pericolo. CiccioBello fa il pompiere, per dire. Sbrodolina guida un aereo e l'altro bambolotto alza pezzi di pongo con la ruspa (immaginaria).
Andiamo molto molto male, dico io.

Vogliamo poi parlare del fatto che, nonostante la popolarità immensa di questi fenomeni, le action figure dei personaggi siano più rare de Dodo? Mia figlia brama Rocky da tre mesi ("Riciclare è meglio che buttare!!"), ma non lo trovo nemmeno su Amazon. Che fanno i cinesi, dormono?
Non c'è più giustizia, mannaggia la puttana.

Però oggi arriva Tracker e voglio essere ottimista.

Prima o poi si stuferà, vero?



 

Condividi post

Repost 0
10 febbraio 2017 5 10 /02 /febbraio /2017 08:00

Io ed Emma, in macchina.
Solita scena quotidiana.
Mentre siamo fermi ad un semaforo, un folle in moto ci sorpassa con un rombo, incurante del semaforo rosso. 

- Mamma, guarda!!! Ma dove casso va?
- Aehm... Come Emma? Non ho capito bene cosa hai det...
- Ho detto dove casso va quello con la moto!
- Aehm... ha fatto una cosa molto pericolosa, che non si fa mai, amore mio.
- Ma casso, la polizia? Non c'è? Nemmeno Massciall? O Ciéis! (ndr. due dei Paw Patrol famosi per essere ligi alle regole, rispettivamente pompiere e poliziotto).
- No Emma.
- E ma casso. Non si fa fa.
- Eh.
- Casso.
-...
- Mamma?
- Dimmi.
- Ho detto casso. Hai sentito?
- Sì.

Cazzo.

Condividi post

Repost 0
8 febbraio 2017 3 08 /02 /febbraio /2017 17:00

Scrivo poco ultimamente.
Scrivo poco, ma la mia testa è piena fino all'orlo. Scrivo poco e mi sento stanca, ma se una volta mi figuravo di essere come il criceto sulla ruota oggi mi sento come uno scalatore davanti alla cima più alta del mondo. Cerco di scalarla, ci provo, mi arrampico, ma sono sempre allo stesso identico punto.
Per quanto io possa fare, mi trovo sempre lì ferma.
E manco uno straccio di sherpa ad aiutare.

Sarà che non respiro bene, Che non posso fare tutto quello che voglio, che non riesco ad allenarmi o a fare tutto ciò che mi piace senza il fiatone. Sarà che questo mio maledetto naso mi impedisce anche di fare una rampa di scale di corsa. Sarà che l'attesa dell'intervento, per quanto possa essere banale, è sempre un po' logorante.

Vorrei scrivere di più, davvero, recuperare uno spazio perduto che per la mia sanità mentale è veramente molto importante.

È che ultimamente "scrivere di più" mi sembra solo un buon proposito, tipo quello del "inizio la dieta lunedì".

Comunque giuro, ci proverò.

 

 

(PS. Aggiuingere "E 'sti cazzi" in un punto a piacere del post)

Condividi post

Repost 0
19 gennaio 2017 4 19 /01 /gennaio /2017 08:00

- Mamma...
- Dimmi, amore mio.
Sospirone apocalittico.
- Su, dillo alla mamma.
- Mamma, io non so scrivere.
- ...
Ulteriore sospirone.
Ora, mia figlia va alla scuola dell'infanzia del mio paesello. Trattasi di una amena e virtuosa scuola che raccoglie 19 bambini dai 3 ai 5 anni in un'unica sezione. ciò vuol dire che accanto a mia figlia che deve ancora fare tre anni ci sono bambini che l'anno prossimo faranno le elementari.
E la secchiona ha ansia da prestazione.

 

 

Avrei voluto risponderle: "Amore della mia vita, se a nemmeno tre anni già scrivevi la mamma e il papà lasciavano il lavoro e partivamo in tour in tutta Europa, D'Urso compresa. Invece le ho detto: - Amore, ma tu sei piccola. Vedrai che tra un anno o due...
- Mamma, ma io non sono capace!!! 
- Ma imparerai, tesoro. 
- Però però però Alberto dice che io solo scarabocchio!!!!
- Vedrai che quando sarai grande come Alberto, sarai persino più brava di lui!
- Mpf.

Non mi ha creduta nemmeno un po'.
Secchiona.


Tale mamma...
 

Condividi post

Repost 0
16 gennaio 2017 1 16 /01 /gennaio /2017 08:00

Quando è nata Emma mi sono subito resa conto con orrore che non sapevo assolutamente cosa farmene.
Ma sul serio. 
Passavo le ore a guardarla e a chiedermi: "Ora che ne faccio?"
Piangeva e non capivo perché, la mia abilità nel cambio del pannolino era appena sufficiente, avevo paura di romperla e allattarla era semplice come un logaritmo. Per non parlare del “come si spegne”, improponibile operazione anche solo dal punto di vista ideologico.
E tutti a dirti: “Ah, che bel tempo! Goditelo che poi ti manca!
Ecco, no.

Però io in quei momenti lì, in quei precisi istanti in cui la cacca verde prendeva il sopravvento e fare un lavaggio nasale era paragonabile all’allunaggio, io pensavo solo a quanto cavolo fosse difficile. Bramavo solo il momento in cui mia figlia fosse in grado di spiegarmi a parole i suoi desideri (piccola ingenua, io).
Pensavo a quanto fosse difficile, complicato, intenso, e come tutte le mamme in erba non c’avevo capito un cazzo.
Essere mamma è difficile, sì.

E’ difficile quando tua figlia piange perché vai al lavoro, ma tu devi andare lo stesso e anche di corsa, ché fai tardi.
Quando chiede alla nonna: ”Quando torna la mamma?” dieci volte in un pomeriggio, ma lei non te lo racconta perché è stata una mamma che lavora pure lei e ancora le si stringe il cuore.
Quando si siede sul letto e ti dice con naturalezza da bambina grande: “Stai tranquilla, mamma. Tu vai al lavoro, io asilo. Poi viene nonna e quando arriva il buio arrivi tu.”
“E quando torno me lo dai un bacio?”
“NO.”
Quando si sbaglia, e ti chiama NONNA.
Quando sta male, ha la febbre alta e vorrebbe solo la mamma. Ma tu lavori, perdindirindina. E lo sai che stai facendo la cosa giusta, lo sai. Per te, per lei, per l’esempio che ti ha accompagnato per tutta la vita e che credi fermamente sia giusto dargli.
Lo sai che è giusto.
Però, cazzo se è difficile.

E' difficile anche se lo sai che andrà tutto bene, anche se ti fidi dei tuoi genitori come e più di te stessa. E' difficile anche se lo sai che lei starà bene, che non mancheranno mai le occasioni per essere felici insieme, che il tempo giusto ve lo ritaglierete.
E' difficile perché il tempo passa e scivola via.

Quando poi capita che le altre mamme portino i figli a laboratori, a incontri in biblioteca, in palestra, ad incontri sulla musicalità, al parco e blabla blabla e ti chiedono: “Vieni anche tu?” .
No, io no.
Brutta madre.
Sempre di corsa.
Col cuore appeso.

E ripenso a quando ritenevo difficile cambiare i pannolini…

 

 

Condividi post

Repost 0
13 gennaio 2017 5 13 /01 /gennaio /2017 14:30

- Emma, ma ce l'hai il fidanzato alla scuola materna?"
- Ghmmhgmmhmm
- Tutto chiaro. Ma non ti piaceva Alberto? Non è il bambino che ti chiama Emmina
(E che causa per questo un capello bianco in più all'Amoremio).
- Sì, è bello. Ma è bichirino.
- Ah, ho capito.
- E poi vuole che io faccio sempre quello che vuole lui. E IO NO.
- Mi sembra giusto. E quindi?
- E quindi meglio Ettore, mamma.
- Perché?
- Perché è buono, gentile e fa tutto quello che dico.

Ecco.

Donne di tutto il mondo, prendete appunti

 

Condividi post

Repost 0
22 dicembre 2016 4 22 /12 /dicembre /2016 15:00

Pescara, Piazza della Rinascita (aka piazza Salotto per gli autoctoni).
Casetta di Babbo Natale.
- Emma, amore, guarda c'è Babbo Natale!
Questa mia esternazione di gioia causa nella piccola sociopatica che alberga in mia figlia le seguenti reazioni a catena:
1. Timidezza improvvisa
2. Fissaggio alle gambe del padre stile colla al silicone
3. Espressione del Grinch stampata in faccia
4. Rifiuto allo spostamento ancorché coatto

Io, che sono una brutta madre, cerco di evitare il trauma infantile: - Guarda che se fai così non ti porta nulla!
Ma niente, nulla la smuove. 
Interviene una graziosa figurante, impropriamente vestita da Elsa di Frozen. Diciamo che da elfo sarebbe stato più corretto, ma vabbè, accontentiamoci. La ragazza, c'è da dirlo, ha sprezzo del pericolo e si avvicina alla gnocca sicura dell'ascendente che il proprio travestimento in genere le dona tra i nani. Non avrebbe certo mai potuto immaginare che mia figlia snobba pizzi e lustrini da principessa per gettarsi senza remore nel mondo del Gruffalo e del Topo Tremendo.

- Ciao bella bimba, ci vieni con me da Babbo Natale?
- NO.
- Ma mi riconosci, lo sai chi sono?
- NO.
- Ma come no! Sono E...
Sopracciglio alzato.
- Sono El...
Mento incassato.
- Ma sono Elsa, la principessa di Frozen!
- NO, NO e NO!
- ...
- ...
- Vuoi una caramella al limone?
- SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!
(Ma in braccio a Babbo Natale manco se muori)

E Buon Natale dalla gnocca. 




 

Condividi post

Repost 0
20 dicembre 2016 2 20 /12 /dicembre /2016 08:00

Io ed Emma ci laviamo i denti, come tutte le sere prima di andare a dormire. Un rito, sancito dal bicchiere della Pimpa utilizzato per bere e sciacquarsi la bocca, di gran lunga il momento top di tutta l'operazione.

- Mamma, perché spegni acqua?
- Perché sennò si spreca. L'acqua è importante, lo sai?
- Perché?
- Perché serve per bere e per innaffiare tutte le piante. Sai che ci sono dei bambini che non hanno l'acqua dentro casa?
- E perché?
- Perché non ci sono i tubi. Devono andare ad un pozzo lontano da casa se vogliono l'acqua. Per questo noi non la dobbiamo sprecare.

Momento di silenzio catartico, seguito dallo sciacqua e sputa targato Pimpa.
- Mamma, idea!!!!!
- Che idea hai avuto, amore?
Io no faccio più la doccia!

Non ci provare, Emma, non ci provare nemmeno!!!

A dieci anni mi cambia le password del conto corrente, altroché...

Condividi post

Repost 0

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code