Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
10 febbraio 2014 1 10 /02 /febbraio /2014 10:14

Milioni di parole sono state scritte per descrivere lo stato d'animo medio di una neo mamma, centinaia di frasi sono state buttate in aria e su carta per raccontare il disagio di un cambiamento di vita che può sconvolgere nel suo essere meraviglioso e nel quale si intersecano talmente tanti fattori da non essere facilmente individuabili, ma che sono raccontate a meraviglia dal libro "Latte nero" di Elif Shafak (lo consiglio a tutte le donne, mamme, in attesa e non).
E tra tutte queste parole, potevano forse mancare le mie? Sì, potevano benissimo mancare, ma perché limitarmi?
Dire che non sono felice sarebbe una bugia; sono molto più che felice e sarebbe impossibile dire il contrario. 
Ma ci sono giorni, giorni più fragili, in cui la guardo dormire e la vedo così tremendamente piccola, così minuscola che il mio cuore perde un battito e comincio a chiedermi se sarò mai in grado di proteggerla, di crescerla e di far sì che sia sana e felice.
Oppure giorni in cui piange disperata, in cui sono più stanca e mi sento più sola, in cui la ninno tra le braccia con zero risultati, pregando perché mia figlia mi spieghi cos'ha (cosa impossibile, visto che la massima interazione di cui è attualmente capace è strabuzzare gli occhi quando fa la cacca. Ecco, si parla di cacca, visto?) e mi chiedo: "Ma chi me l'ha fatto fare? C'ho un lavoro in cui sono brava, competente, dove capisco sempre come devo comportarmi per risolvere i problemi... e mi sono buttata in questa cosa che non sono capace di fare! Ma come ho fatto??"

E' normale, dicono.
Ed è vero, perché poi passa. I giorni neri si diradano, la voglia di piangere diminuisce e anche gli altri cominciano a capirla meglio.
Gli ormoni, dicono, tornano normali. 

Col tempo.
Ma la realtà è che credo sia normale avere paura. Paura di sbagliare, di fare involontariamente del male alla cosa più bella e preziosa che io abbia mai visto, ma così fragile da sembrare di cristallo. 
Almeno finché non piange, lì già dimostra un bel caratterino.

Avrà preso dalla mamma...

 

Condividi post

Repost 0
Published by Phoebe - in mammaphoebe
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code