Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
24 novembre 2014 1 24 /11 /novembre /2014 08:20

Ci sono ferite più profonde di altre, che fanno più male. Ferite che nel corso degli anni smettono di sanguinare certo, ma rimangono sempre con te,  come una cicatrice che pizzica.
Il dolore dopo un po' passa e quasi te ne dimentichi, ma rimane sempre con te il ricordo di quello che hai provato, come un brufolo dietro la schiena. Lo senti, ti da fastidio, ti ricorda che c'è, ma non lo vedi e per quanto tu possa cercare di arrivare ad estirparlo non ci riesci.
Il tempo cancella molte cose, ed io non sono capace di portare rancore. Non perché sia troppo buona, sono solo troppo pigra. E poi diciamocelo: anche il rancore va meritato, va curato e ci si deve dedicare un po'. 
L'odio, come l'amore è un sentimento che va alimentato: il primo con dedizione e attenzione, il secondo con una certa predisposizione d'animo e con comportamenti concludenti.  L'odio è  una vecchia stufa in cui va buttato un po' di carbone tutti i giorni, altrimenti il fuoco si spegne e muore. A dire il vero, a me per spalare con costanza è necessaria molta motivazione e quindi il mio odio si derubrica il più delle volte in malcelata indifferenza. Diciamocelo, ma sti cazzi.
Non a caso essere un buon villain 
è sempre difficile, è un ruolo che regala glamour e luce, tra i più ambiti al cinema. Volete mettere che gnocca la strega di Biancaneve? Non a caso la interpreta Angelina, mica la prima che passa. Biancaneve è così buona, bella e stucchevolmente perfetta solo perché brilla di luce riflessa. Oppure Joker, lucidamente psicopatico e brillante, che rende Batman un eroe solo per il fatto di esistere.

Essere un buon villain è importante, cazzo, è un lavoro che va fatto con scrupolo e serietà altrimenti si cade nel ridicolo ed è un attimo a ritrovarsi tra i piedi Will Coyote che cerca di rubare le pecore al cane da pastore. 
O peggio nel patetico, così come è successo a me.
Ci vuole classe, perdincibaccolina.
Luce, smalto, sarcasmo e cattiveria a pizzichi, ma non a mazzi, perché l'esagerazione fa cadere nel grottesco e non ci piace.


Le persone che investirei con la macchina non sono molte, e se si escludono personaggi inventati, politici e scrittori da strapazzo che non sanno usare il congiuntivo la lista si riduce fin quasi a scomparire. Però c'è, eccome. Diciamo che le dita di una mano non sono tutte necessarie a contarli, ma quasi.

Ieri incontrando per caso un allegro abitante della mia suppur breve lista è scattato il patetico. Mi ha visto da lontano (o forse mi pedinava? Boh, io facevo la spesa) e quando i nostri sguardi si sono incrociati ha assunto l'elegante espressione di chi sta per avere un attacco di cuore. Dopodichè ha abbassato lo sguardo ed è scappato più veloce dei lupi della steppa alla vista di Masha.
E dire che di lui ricordavo soprattutto l'ironia, che delusione.  Invece ho visto proprio il timore nel suo sguardo, la paura che potessi reagire male. E'vero che ho un brutto carattere, ma son passati quasi dieci anni, non potremmo lasciarci cullare dal sereno mare della placida indifferenza?
Che poi, paura: stavo comprando la pastina per Emma, mica un kalashnikov, abbi pazienza. Che avrà pensato, che potessi tirargli contro le stelline rotanti come i ninja?
Ad ogni modo, una delusione. 
E' proprio vero che se uno vuole un cattivo di un certo livello se lo deve far da sé.
In effetti io come matrigna mica son male. 

Buauhahahahhahahah!

Condividi post

Repost 0

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code