Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
20 maggio 2015 3 20 /05 /maggio /2015 08:00

Maggio e giugno sono, nel nostro paese, sinonimo di comunioni, cresime e matrimoni. Eventi che, se da un lato sembrano tappe obbligate, da un altro scatenano l'intolleranza dei parenti che si trovano a far la spola tra un ristorante e l'altro, scartando bomboniere rivestite di tulle.
A parte le mia insofferenza sull'argomento (perché tu parente di terzo grado che ho visto l'ultima volta quando non arrivavo al tavolo della cucina mi inviti?), non ho potuto fare a meno di notare la notizia rimbalzata dai giornali sull'argomento: "Maestre fanno il regalo solo ai bimbi che fanno la comunione ed i genitori le denunciano". 
Di primo acchitto la notizia fa molto ridere.
Tre maestre, nell'orario di scuola ordinario e non di religione, regalano un quadretto con un calice ai bimbi che andranno a fare la comunione. Gli altri ci rimangono male, lo dicono a mamma e papà e questi le denunciano all'Associazione Consumatori prima, alla stampa poi.
Pare che gli esonerati dal dono ci siano rimasti molto male, ma sono certa che pure chi l'ha ricevuto magari si aspettava di meglio, eh.

Diciamola tutta: queste maestre hanno sbagliato. E' vero che è usanza diffusa questa del regalino per la comunione, ma potevano darlo fuori da scuola, o nell'ora di religione. Ognuno fa quel che vuole, ci mancherebbe, ma un po' di tatto in più non sarebbe guastato, anche perché così più che un pensiero il loro atto risulta una sorta di giudizio morale. E non va bene.

Dall'altro lato questi genitori sono eccezionali: invece di consolare i propri figli spiegandogli che spesso la gente non è equa o comunque corretta come dovrebbe essere, denunciano le maestre.
Colpevoli, eh, perché per me la scuola dovrebbe essere più che laica, il crocifisso sostituito dalla bella faccia di Mattarella  e l'ora di religione cattolica andrebbe abolita e sostituita con molta più educazione civica, ma questa storia ha un sapore sbagliato.

Non posso non ricordare con affetto la mia maestra di terza elementare che per la comunione mi regalò "L'isola del tesoro" di Stevenson. Un libro a testa, perché nella piccola scuola elementare del mio paesino tutti i bambini della classe facevano la comunione insieme, così come facevano il tema di italiano. Un altro mondo, un luogo della memoria.

Le maestre hanno commesso un errore, sono d'accordo, ma non mi piace chi utilizza i propri figli per combattere battaglie di principio che andrebbero discusse in ben altre sedi. Hanno sbagliato, potevano essere più delicate.
Ma magari, non lo so, son maestre un po' avanti con gli anni che hanno seguito una tradizione non pensando che il mondo nel frattempo è cambiato. 
Potevano fare meglio, essere più delicate, ascoltare le esigenze di tutti. Magari fare un regalo in occasione delle altre festività religiose dei bambini esonerati

Oppure farsi i fatti propri e non impicciarsi delle questioni private altrui, che in fondo la religione non è di stato.
Essere più delicate non avrebbe guastato, insomma.

Ma in questo mondo, chissà perché la delicatezza sembra costare troppo. 
 

Condividi post

Repost 0

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code