Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
7 maggio 2015 4 07 /05 /maggio /2015 10:00

Vorrei fare una premessa abbastanza doverosa: io di politica made in USA non capisco nulla, e quel poco che so mi è stato spiegato da Frank Underwood
Ma vista l'aridità di contenuti e di prospettive della nostra politica nazionale, non mi resta altro che rivolgere lo sguardo verso l'altro lato del mondo, sperando che ci sia un po' di luce e che ci si possa trovare non dico conforto, ma almeno ispirazione.
Nel 2016 ci saranno le presidenziali negli USA e già i coltelli si vanno affilando in entrambi gli schieramenti. 
Tra i democratici impossibile non segnalare il ritorno di Hillary Clinton sulla ribalta politica, dopo i suoi due mandati come Presid... ah, no. Quello (dicono) fosse il marito. Ex first lady (per molti burattinaia del marito belloccio, ma tant'è), ex segretario di Stato, la Lillary, come la chiamava mia nonna che ne apprezzava il coraggio di donna cornuta, sembra avere tutte le corte in regola per sbaragliare le primarie e approdare alla Casa Bianca.

Dall'altro lato della barricata tra i repubblicani, a parte il figlio e fratello di Jeb Bush (che francamente io anche no), salta all'occhio un candidato: il carismatico Marco Rubio, poco più che quarantenne Governatore della Florida di chiare origine cubane. 
La sua biografia racconta dei suoi genitori scappati alla dittatura castrista (anche se già è uscito fuori che invece son arrivati col gommone tre anni prima) e di una grande fede cattolica (ma anche qui la campagna è già iniziata). Non sto qui a parlare del suo programma, né del perchè i giornali lo abbiano già ribattezzato "l'Obama di destra". Non ho i mezzi, la competenza e le conoscenze d politica internazionale per farlo.

Quel che vorrei evidenziare è la sua provenienza. I suoi genitori sono entrati negli USA come immigrati solo poco prima che lui nascesse e lui, nato americano, ora è governatore della Florida ed in lizza per diventare il prossimo Presidente degli USA.
In pratica, il sogno di ogni bambino in uno stato come si deve. Cosa vuoi fare da grande? Il Presidente. Qui da noi ancora i bambini lo sognano? O il calciatore e la velina hanno  la meglio?
Il fatto che il figlio di immigrati possa diventare con questa naturalezza un politico di successo, un uomo d'affari affermato o anche solo un poliziotto o un pompiere negli Stati Uniti non fa notizia, è una cosa talmente quotidiana da non essere mentalizzata.
Negli USA lo ius soli permette a un bambino di sognare di diventare, da grande, Presidente degli Stati Uniti. Ma anche di sognare di diventare ciò che vuole in generale, lottando e faticando è chiaro. Ma ha una possibilità.

In Italia un ragazzino che non ha la cittadinanza cosa può sognare? Va a scuola con gli altri bambini, ma non è come loro. Ha un bollino addosso che lo rende diverso ed incapace di fare quello che fanno gli altri (non ci credete? Informatevi, pecore!) e per quanto possa assere dotato ed intelligente è probabile che alla fine passerà i suoi giorni a penzolare in fondo alla catena evolutiva. Non pèer sua scelta. Perché, in fondo, è così che funziona. 

Gli USA sono un grande paese anche per questo, IMO, per aver nel tempo saputo generare il cd. sogno americano nella mente dei suoi stessi cittadini. Per l'orgoglio verso una nazione, nel bene o nel male, per la speranza. 

Poi, sia chiaro, pure negli USA c'hanno i loro bei problemini, non ultimo i fatti di Baltimora e compagnia cantante. E anche molto peggio, non lo metto in dubbio.

 

Ma vive la speranza, e di questi tempi è forse poco?
 

Condividi post

Repost 0

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code