Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
14 gennaio 2016 4 14 /01 /gennaio /2016 08:00

Dormire per me è stato sempre un piacere, una coccola a me stessa. Fin da bambina, il momento di andare a dormire non è mai stato una punizione, ma la piacevole conclusione della giornata.
Come un orsacchiotto in letargo, la domenica era l'unico giorno in cui potevo rimanere a letto ancora un po', rintanata sotto le coperte, mentre il mondo scivolava via e si sgranchiva le giunture senza di me. 
Io potevo sognare ancora altri cinque minuti, solo altri cinque minuti. 

Dormire è sempre stato un piacere, un momento di bellissimo oblio ed Emma ha ereditato da me questo aspetto del carattere. 

Peccato che io, quasi contemporaneamente, lo abbia perso nel mare agitato della maternità ritrovandomi a passare notti agitate nonostante intorno a  me tutti dormano saporitamente.

Tutte le sere mi addormento abbastanza velocemente, leggo un po' e non certo quanto vorrei, sento la pesantezza farsi strada tra gli occhi e le gambe pesanti. Ecco, ora mi giro e dormo. Bum! Tutte le sere credo che sia la volta buona, quella notte in cui riuscirò finalmente a riposarmi e poi verso le tre, puntuale come il Cappellaio Matto all'ora del tè, eccomi qui: SVEGLIA.
No, non sveglia, peggio: in un insondabile dormiveglia, dove ripercorro tutta la giornata passata e quella futura, analizzo le cose da fare, mi fisso su un adempimento immaginario che non ho svolto (Avrò pagato tutte le tasse? E le bollette? Oddio, il 730? Mi staccheranno l'acqua?) e comincio e rigirarmi nel letto. Ancora. E ancora. E ancora.
Cerco di rimanere silenziosa per non svegliare né l'Amoremio né Emma, ma tutti i tentativi per tornare a dormire sembrano inutili. 
Provo a raccontarmi una storia. Niente.
A contare le pecore. Niente.
A fare training autogeno. Niente di niente.
I pensieri negativi si insinuano tra le coperte e mi sale l'ansia. 

Finché non suona la svegia.

 

Condividi post

Repost 0

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code