Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
4 febbraio 2016 4 04 /02 /febbraio /2016 14:30

Scena 1 - L'ottuagenario pervertito

In pausa pranzo mi ritrovo a fare la spesa in un piccolo centro commerciale vicino all'ufficio e prima di andare alla Coop mi fermo a prendere un caffè al bar accanto. Siccome la compagnia non è molta e la televisione rimanda "La vita in diretta" che anche no, decido di dilettarmi nel mio hobby preferito. farmi i fattacci degli altri. 
Il mio sguardo vaga, il luogo e la compagnia non favoriscono il mio hobby, ma alla fine la mia attenzione cade su un attempato astante seduto ad un tavolino che smanetta sullo smartphone. 
Incuriosita dall'ottuagenario internauta mi avvicino con nonchalance e riconosco i colori inconfondibili di Facebook. 
Apperò, mio padre non sa neanche scrivere un sms... 
Mi avvicino ancora e scopro che il simpatico vecchietto sta surfando tra le foto di discinte signorine dai nomi inequivocabili di Tatiana Love o Katarina Birikina. Con maestria anche, eh. 
Di primo acchitto sono inorridita e la signorna Rottermeier che è in me è insorta con la bacchetta di giunco in mano. 
Poi mi sono chiesta: chi gli avrà insegnato? Un nipote? Un compagno di tressette? Una accompagnatrice compiacente? In gamba, ad ogni modo.
E ancora: poraccio, magari è solo. Senza nessuno, senza una compagnia, si trascina in attesa di... ok, ho riposto la signorina Rottermeier in fondo al mio ego e sono andata a far spesa.

L'ho ritrovato dopo, dietro di me alla cassa con una spesa (lo sapete, vero, che ho la fissa di guardare la spesa degli altri?) decisamente non da pensionato single: sogliole fresche, melanzane, pancetta, pomodori. 
Mi vedo la sua anziana moglie che gli fa l'amatriciana. 
Per dire.

 

Scena 2 - Il nonno allegro

Sono di nuovo al supermercato.
Sì, la mia vita è davvero emozionante.
In spregio alla mia avversione per le bottiglie di plastica, ho comprato una confezione da sei di Ferrarelle che no ho messo sul nastro. Alle mie spalle sento una presenza. Vicina, troppo vicina. Mi volto e mi ritrovo a tre millimetri dal naso un vecchietto molto stagionato, dotato di un importante paio di bretelle rosse, che cerca vistosamente di passare: "Mi scusi, mi scusi" mi dice allegro.

"Enzo!!" gli intima stizzita una signora altrettanto stagionata in coda dietro di me e che presumo sia la moglie "Ma dove vai! E chiedi permesso, poi! Lo scusi, sa..."
"E' che mi metto alla fine del nastro, che sto più comodo!" gongola fiero della posizione raggiunta.
Vabbè, abbozzo. "Ma si figuri, non fa niente E' che c'ho l'acqua che è pesante e blocca anche il traffico! Ci dovrebbero venire gli uomini a comprarla!!"
La signora annuisce, la cassiera ridacchia.
"Vede," mi dice il vecchietto "deve fare come me: io l'acqua non la bevo: fa la ruggine!!! Bevo solo il vino che faccio da me".
Ecco, a posto.

 

Solo a me sembra che il futuro sia l'anziano??


 

Condividi post

Repost 0

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code