Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
19 luglio 2010 1 19 /07 /luglio /2010 21:34
Lo so, andare inLo so, andare in palestra in pausa pranzo con quest’afa è da matti. Ma anche attraversare la città e fare quasi 40 km per andare e tornare a casa lo è. E non è che io possa andare tutti i giorni al cnetro commerciale. Il mio portafoglio me lo vieta. Quindi.
Quindi dicevamo, palestra. Me ne stavo lì, sopravvissuta ad una lezione di heat program che mi ha disidratato anche i capelli,  a passarmi la crema idratante dopo la doccia.
Varia umanità chiacchiera di tutto: oggi in pole position il fallimento de I viaggi del Ventaglio, tour operator di quelli fighi, che non avrei creduto mai, no no signora mia.
E dietro Columbus, i VentaClub dei trenini, eccetera eccetera. Non si sa quanti turisti fregati, poveracci sìsìsì.
Comunque si sapeva, quando sono andata ad aprile a  Marsa Alam i forum specializzati già sconsigliavano di viaggiare con loro” esordisco io. 
Da qui inizia una diatriba vacanze su internet sì/no che non ho ben seguito in quanto esonerata dall’asciugacapelli, finché non vengo chiamata in causa nuovamente sull’annoso tema della vacanza ideale.
 
Bèh” inizio io ripassando l’eye-liner disintegrato dai liquidi espulsi dal mio corpo “in genere mi piacciono quei viaggi in cui si possono capire altri modi di vivere, altre civiltà. Viaggi che lasciano qualcosa a chi li fa, insomma” 
Non a Milano Marittima, per capire. Se avessi la possibilità pianificherei un viaggio in Pakistan, per dire.
“Anche in Egitto, ad esempio, sono andata un po’ in giro a vedere come vive la gente sennò a che serve?” mi chiedo ad alta voce. “Certo” continuo “vedi dal vivo le donne col burqua e non è come vederle in Tv, ma tutto serve per capire realtà diverse.
 
Le donne annuiscono, specie una su cui vorrei aprire una parentesi. 
 
Il nome, così come accade spesso in questi hamman occasionali, non lo conosco. 
E’ bassa, coi capelli ricci e corti ed un’età indefinibile tre i 40 ed i 55 anni, fisico a tanica di benzina. Si muove elettrica, come fosse il pupazzetto a pile della Duracell. E’ in palestra occasionalmente, mi disse, perché lei è un’artista. Della danza del ventre.  
No comment.
Lei si tira su sui tacchi e baldanzosa afferma: “Purché restino a casa loro! Che non ci impongano i loro usi!”
Vabbè, ci mancherebbe! Ma ognuno per sé fa quel che vuole, scusa. “ 
E gli vorrei fare un bel discorsetto sull’autodeterminazione dei popoli e sulle differenze culturali, ma lei (incosciente) tira fuori un mio cavallo di battaglia: “Come quelli che voglion far togliere i crocefissi dalle scuole!
Cerco di contare fino a dieci, ma fa caldo, sto sudando di nuovo e mi si è pure spuntata la matita del trucco: “Io, ad esempio!” Certe volte mi sento un alieno sulla terra.
Devo dire che la sua faccia non ha prezzo.
Da me, che sventolo un crocefisso al collo, non se l’aspettava: “Il nostro è uno stato laico, non cattolico. Quindi nei luoghi pubblici non ci deve essere il crocefisso. Poi a casa sua ognuno fa quel che vuole.
No, il nostro è uno stato cattolico” ribatte la sventurata accalorandosi “Sono le nostre tradizioni!
No, è laico. Rileggiti la Costituzione.” Adoro fare la saccente, lo adoro.
E che conta la Costituzione?” Questa l’ho già sentita... ma da chi? Non ricordo, “E’ sempre stato così!
Bèh, i miei nonni, bisnonni e trisavoli vivevano a mezzadria, ma io mica no!
Ma che vuol dire? E poi se lo dici tu che sei italiana è un conto, ma un extracomunitario!! Un mussulmano!!!!!
“Ti faccio una domanda: un bambino nato in Italia da genitori stranieri ha anche la cittadinanza italiana, lo sai? Lui è italiano per te? Ha i miei stessi diritti oppure no?
Ma… ma… sono le nostre tradizioni!” risponde accusando il colpo.
Per tradizione il marito picchiava la moglie. Ora, per fortuna, è reato. Le cose cambiano, ma non sempre in peggio!” le rispondo serafica piegando l’asciugamano.
Lei serra le labbra e si irrigidisce tutta. Ha evidentemente finito le argomentazioni. Ho un po’ paura a dire il vero. Invece pesta per terra coi suoi tacchi 12, afferra la borsa e se ne va infuriata.
Le altre si zittiscono.
Forse sono aliena davvero.
 
Esco e trovo l’Amoremio all’ingresso che legge il giornale.
Hai fatto incavolare qualcun’altra?” mi chiede.
Faccio spallucce. Prima o poi mi bucano una gomma, è garantito.
 
 
Ecco. 
E voi che ve ne state lì a fare sì con la testa dandomi ragione, sappiate una cosa: la maggioranza degli italiani è LEI
E’ esattevolmente COME LEI.
Quindi, non c’è proprio nulla da cui essere divertiti.

Ora scusatemi, devo andare a fare il pieno alla navicella… 
 
Ora scusatemi, devo andare a fare il pieno alla navicella…  palestra in pausa pranzo con quest’afa è da matti. Ma anche attraversare la città e fare quasi 40 km per andare e tornare a casa lo è. E non è che io possa andare tutti i giorni al cnetro commerciale. Il mio portafoglio me lo vieta. Quindi.
Quindi dicevamo, palestra. Me ne stavo lì, sopravvissuta ad una lezione di heat program che mi ha disidratato anche i capelli,  a passarmi la crema idratante dopo la doccia. Varia umanità chiacchiera di tutto: oggi in pole position il fallimento de I viaggi del Ventaglio, tour operator di quelli fighi, che non avrei creduto mai, no no signora mia. E dietro Columbus, i VentaClub dei trenini, eccetera eccetera. Non si sa quanti turisti fregati, poveracci sìsìsì.
“Comunque si sapeva, quando sono andata ad aprile a  Marsa Alam i forum specializzati già sconsigliavano di viaggiare con loro” esordisco io. 
Da qui inizia una diatriba vacanze su internet sì/no che non ho ben seguito in quanto esonerata dall’asciugacapelli, finché non vengo chiamata in causa nuovamente sull’annoso tema della vacanza ideale.
“Bèh” inizio io ripassando l’eye-liner disintegrato dai liquidi espulsi dal mio corpo “in genere mi piacciono quei viaggi in cui si possono capire altri modi di vivere, altre civiltà. Viaggi che lasciano qualcosa a chi li fa, insomma” 
Non a Milano Marittima, per capire. Se avessi la possibilità pianificherei un viaggio in Pakistan, per dire.
“Anche in Egitto, ad esempio, sono andata un po’ in giro a vedere come vive la gente sennò a che serve?” mi chiedo ad alta voce. “Certo” continuo “vedi dal vivo le donne col burqua e non è come vederle in Tv, ma tutto serve per capire”
Le donne annuiscono, specie una su cui vorrei aprire una parentesi. 
Il nome, così come accade spesso in questi hamman occasionali, non lo conosco. 
E’ bassa, coi capelli ricci e corti ed un’età indefinibile tre i 40 ed i 55 anni, fisico a tanica di benzina. Si muove elettrica, come fosse il pupazzetto a pile della Duracell. E’ in palestra occasionalmente, mi disse, perché lei è un’artista. Della danza del ventre.  
No comment.
Lei si tira su sui tacchi e baldanzosa afferma: “Purché restino a casa loro! Che non ci impongano i loro usi!”
“Vabbè, ci mancherebbe! Ma ognuno per sé fa quel che vuole, scusa. “ 
E gli vorrei fare un bel discorsetto sull’autodeterminazione dei popoli e sulle differenze culturali, ma lei (incosciente) tira fuori un mio cavallo di battaglia: “Come quelli che voglion far togliere i crocefissi dalle scuole!”
Cerco di contare fino a dieci, ma fa caldo, sto sudando di nuovo e mi si è pure spuntata la matita del trucco: “Io, ad esempio!” Certe volte mi sento un alieno sulla terra.
Devo dire che la sua faccia non ha prezzo. Da me, che sventolo un crocefisso al collo, non se l’aspettava: “Il nostro è uno stato laico, non cattolico. Quindi nei luoghi pubblici non ci deve essere il crocefisso. Poi a casa sua ognuno fa quel che vuole”
“No, il nostro è uno stato cattolico” ribatte la sventurata accalorandosi “Sono le nostre tradizioni!”
“No, è laico. Rileggiti la Costituzione.” Adoro fare la saccente, lo adoro.
“E che conta la Costituzione?” Questa l’ho già sentita “E’ sempre stato così!”
“Bèh, i miei nonni, bisnonni e trisavoli vivevano a mezzadria ma io mica no!”
“Ma che vuol dire? E poi se lo dici tu che sei italiana è un conto, ma un extracomunitario!! Un mussulmano!!!!!”
“Ti faccio una domanda: un bambino nato in Italia da genitori stranieri ha anche la cittadinanza italiana, lo sai? Lui è italiano per te? Ha i miei stessi diritti oppure no?”
“Ma… ma… sono le nostre tradizioni!”
“Per tradizione il marito picchiava la moglie. Ora, per fortuna, è reato. Le cose cambiano, ma non sempre in peggio!” le rispondo serafica piegando l’asciugamano.
Lei serra le labbra e si irrigidisce tutta. Ha evidentemente finito le argomentazioni. Ho un po’ paura a dire il vero. Invece pesta per terra coi suoi tacchi 12, afferra la borsa e se ne va infuriata.
 
Esco e trovo l’Amoremio all’ingresso che legge il giornale.
“Hai fatto incavolare qualcun’altra?” mi chiede.
Faccio spallucce. Prima o poi mi bucano una gomma, è garantito.
 
 
 
 
Ecco. 
E voi che ve ne state lì a fare sì con la testa dandomi ragione, sappiate una cosa: la maggioranza degli italiani è LEI. 
E’ esattevolmente COME LEI.
Quindi, non c’è proprio nulla da cui essere divertiti.
 
Ora scusatemi, devo andare a fare il pieno alla navicella… 

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code