Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
21 novembre 2008 5 21 /11 /novembre /2008 00:28
All'Università li vedevi con il libro sotto il braccio, il maglioncino Ralph Lauren immancabile come una divisa ed il capello gonfio da ravviare ogni tanto con un gesto fluido della mano.
Sempre lindi e pinti, li trovavi a chiacchierare tra di loro vicino alle panchine, attenti a dare i voti al mondo circostante.
Raramente rivolgevano la parola a chi no era come loro, e quando lo facevano era solo per distribuire volantini.
Erano loro, quelli di Forza Nuova.

Per lo più ricchi figli di papà o wannabe frustrati, organizzavano riunioni e comitati sentendosi esseri superiori.
Capirete come io, che facevo ripetizioni tutti i giorni ai bambini per mantenermi e mi atteggiavo chiaramente da comunista mangiabambini poco avevo a che spartire con loro.

Ma, con mio grande stupore uno iniziò a corteggiarmi. Io, che ne ero l'antitesi e che ho sempre pensato che solo dei deficienti potessero comprare un maglione identico a mille altri e pagarlo una cifra esorbitante solo per un simbolino.
Diciamocelo, Ralph Lauren mi è sempre stato in culo. Per curiosità ci uscii, in fondo era un bel ragazzo.
Con disappunto scoprii che non era solo noioso ed irritante: aveva anche il micropisello.
Non è sempre oro ciò che luccica, spesso è solo ben lucidato.

Ma questa è un'altra storia, che mi porta però a  l'altra sera quando senza sorpresa ho scoperto che i geni che hanno inviato bambole insanguinate ad alcuni giornali altro non sono che fratelli siciliani di quei geni che bazzicavano l'Università.

Perché questo scherzo macabro? Per protestare sulla legge 194, la legge che nel 1978 mise fine agli orrori degli aborti clandestini regolamentando l'interruzione di gravidanza.
Bambole insanguinate con un biglietto "Avete provato orrore e sconcerto nell'aprire questo pacco? Vi ha turbato la vista di un bambolotto fatto a pezzi, deformato e imbrattato di sangue e frattaglie di animale (regolarmente acquistati in macelleria)? Ve lo abbiamo spedito proprio per risvegliare in voi simili indignate sensazioni. Vogliamo ricordarvi che - nel caso lo aveste dimenticato - ormai da trent'anni, in Italia l'aborto 'legale' riserva la stessa sorte del bambolotto a 5 milioni di vittime innocenti fatte a pezzi nel ventre della madre. Siamo di fronte a un genocidio legalizzato! Abrogare la 194! Fermare la strage di innocenti!"

A parte il gesto orribile, giustificato da una serie delirante di cazzate, gratuito e francamente idiota io mi domando: perché a protestare ed indignarsi sono sempre (o quasi) uomini?
Da Ferrara ai due geni che hanno confezionato questi eleganti pacchi dono, nessuno di quelli che si sono erti a difensori della moralità era dotato di utero ed ovaie. ma io tengo mai trattati sulla prostata? E allora perché volete comandare sulle mie ovaie??

Oppure si tratta di gente che si guarderebbe bene dal riconoscere un eventuale figlio naturale, pena scomunica immediata. Non che non lo facciano ovviamente, il mio prete quan'ero bambina aveva una figlia della mia età e tutti sapevano.
Ma i religiosi, bèh, loro dall'altare a sparare sentenze senza conoscere l'argomento di cui si parla sono abituati, gli viene spontaneo.

Perché?
Senza tirare fuori slogan femministi degli anni'70 che oramai suonano obsoleti, mi domando perché siano sempre uomini ad affermare il equivalenza tra aborto ed omicidio, immaginando le donne come sciocche scrofe che non hanno discernimento alcuno o come fredde incubatrici.
Secondo loro è facile abortire?
E' facile prendere questo genere di decisioni?
Maturare la netta consapevolezza di non poter far altrimenti pensano che non lasci segni?
Chi dà a questa gente la spocchia per mettersi in cattedra e giudicare sui sentimenti ed i dolori della gente?

Con questo non voglio farmi portabandiera dell'aborto, né dire io lo farei. Nelle cose, diceva mia nonna, bisogna trovarcisi.
Ma la legge 194 per quanto possa essere imperfetta è una conquista per tutte le donne, una libertà imprescindibile, una tutela necessaria.
E a chi chiacchiera a vanvera di crimini contro l'umanità, ricorderei prima di tutto quelli commessi in nome delle idee politiche che vanno sbandierando con tanta supponenza.

Scusate, ma mi girano le ovaie...

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code