Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
15 giugno 2011 3 15 /06 /giugno /2011 07:08

Doverosa premessa: questa è una storia, non è una verità.
Perciò, signori cattolici osservanti e osservatori, non v'incazzate.


Ma mettete da parte tutto quello che sapete e immaginate.

Cosa sarebbe successo se Gesù avesse avuto un migliore amico come Levi detto Biff?
Biff, disincantato e sarcastico ragazzo ebreo vissuto più di 2000 anni fa, ma molto simile ad un teppistello attuale, diciamocelo.
Però simpatico.
E anche puttaniere.
Per fare un favore a Gesù, però.
Un bravo ragazzo, in fondo.

E se uno così l'avesse accompagnato in un viaggio formativo tra i 12 e 30 anni (periodo della vita di Gesù non narrato dai vangeli "standard", ma che desta da sempre stupore e curiosità) che ha fatto del Messia la figura che conosciamo?
Un viaggio alla ricerca dei Re Magi, in cui Gesù parte alla ricerca di sé e del Dio che dice di essere suo padre. Un viaggio importante attraverso diverse culture (ma lo sapevate che Gesù era un campione di kung fu? No, per dire), diverse spiritualità e tipi umani.
Un viaggio che ha trasformato un ragazzo nato a Betlemme nel Messia.
il fatto che poi questo viaggio risulti totalmente sgangherato, destrutturante e sarcastico dovrebbe far riflettere molto. O almeno quelli che ancora sanno riderci su.

E Maddalena detta Maddi?
Dove la mettiamo?
Questo libro ve lo spiegherà sin nei minimi dettagli.

E se l'omissione della figura di Biff e del suo punto di vista fosse così importante che Dio in persona si trovi costretto a decidere di resuscitarlo, mandando un angelo iroso, frustrato sessualmente (ma gli angeli hanno sesso??)  e scalcinato a badare su di lui e sulla stesura del suo Vangelo?
Accadrebbe quanto racconta Moore e Biff sarebbe venerato come un Santo. E non sarebbe nemmeno sbagliato, a parte quei tre o quattro peccatucci commessi qua e là.
Ah, e il cinismo.
E il sarcasmo.
Dimenticavo la lussuria. Quella magari potrebbe essere un problema.
Mmmm... forse è meglio di no.

O forse sarebbe meglio di sì.

Christopher Moore ci regala un romanzo divertente, esilarante e dissacrante, ma anche intelligente e mai troppo irrispettoso del credo altrui.
Un Vangelo tutto nuovo, un vero e proprio condensato di cultura popolare: dalle dottrine buddhiste, a quelle di Lao Tzu e Confucio (che fossero loro i Re Magi?), ma anche Diogene ed il suo cinismo, il kung fu, uno yeti nostalgico, l’Uomo Ragno, demoni e santoni indiani, un elefante che impara lo yoga, telenovelas e cibo cinese, monaci shaolin, feng shui…
Troppo?


Leggetelo che poi ne parliamo…

 

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in sick sad world
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code