Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
9 settembre 2009 3 09 /09 /settembre /2009 16:47

Giro al centro commerciale di sabato.
Le ragazzine urlanti hanno già fiutato l’odore dell’autunno perché hanno abbandonato le spiaggette del Trasimeno per tornare a pascolare tra i negozi. Ovviamente sempre vestite come delle Winx ubriache e con gli occhietti impiastricciati di eye-liner sbarrati alla drammatica ricerca (forse) di un fac-simile dei Tokio Hotel.

Eccezionalmente io e l’Amoremio siamo qui in un giorno non lavorativo.
In genere nei weekend non ci mettiamo piede, un po’ perché è un circo equestre  un po’ perché è davvero troppo vicino all’ufficio e a sentirne anche solo l’aria mi sembra già lunedì.
Ma mi sono fissata che DEVO preparare il mio famosissimo liquore alla liquirizia e l’ingrediente principale (cioè la liquirizia purissima in confetti, appunto) la vendono solo nell’erboristeria dentro il centro commerciale.

Perciò.
Si va.

Dobbiamo percorrere l’intero corridoio perché l’erboristeria (sic.!) sta proprio in fondo, nuotando tra ragazzini coi pantaloni calati fino alle ginocchia (e la vista delle mutande altrui non è mai bella) e ragazzine dodicenni ammiccanti verso qualunque cosa abbia un apparente sesso maschile.

Quand’ecco che passiamo davanti alla libreria.
Phoebe: “Ci fermiamo???” chiedo con espressione da drogata.
Amoremio: “Phoebe… possiamo fare prima quello per cui siamo venuti?
Phoebe con occhioni luccicosi: “Daaaai!
Amoremio: “Dai, su! Fa la brava! Poi ci fermiamo!
E così passiamo oltre, mentre una commessa si affaccia mi riconosce e mi saluta per nome.
Amoremio scuote la testa ridendo: “Ma ti rendi conto? Fra un po’ ti srotolano il tappeto rosso!

Arriviamo in erboristeria, compro 150 g di liquirizia purissima che si trasformerà in cinque bottigliette di liquore, pago, saluto la signora, prendo sottobraccio l’Amoremio e lo trascino in libreria.
Entro saltellando, felice come un bambino di due anni in una vasca di palline colorate.
Mi viene incontro la responsabile che garrula mi annuncia novità: “Vieni, cara” mi dice “guarda, abbiamo cambiato la disposizione dei libri. Mi dai un parere?
Mi illustra i cambiamenti e mi chiede opinioni, illustro possibili miglioramenti e dibattiamo davanti agli occhi dell’Amore mio palesemente sconvolto.
Eppure sa che da quando il fioretto è finito la mia insana passione per l’acquisto smodato di libri è ricominciata più forte di prima, paragonabile solo a quella di una donna normale davanti a scarpe firmate in super offerta.
Girello tutta contenta, la libreria è il mio luogo naturale e qui mi sento serena e felice.
Potrei starci delle ore, perdere la cognizione del tempo e delle persone che sono con me. Finché sento una voce vagamente familiare chiamarmi “Tossica” e riportarmi piano piano alla realtà.
Ok, andiamo.

Arrivo.
Adesso.

Opto per SOLO due libri per di più in offerta (ma come sono brava). E il mio amore, che mi asseconda in questa mania, alla fine me li regala con un sospiro divertito.
Per fortuna mi ama.
Torniamo a casa e sono felice come una bimba.
E siccome sono di buonumore, vi lascio due suggerimenti letterari, di libri tutt’altro che recenti ma assolutamente imperdibili:
- il primo è IL QUINTO GIORNO di Franz Schatzing. Sono 1049 pagine, ma non fatevi spaventare. E’ u bel thriller scientifico,  avvincente e divertente. Solo non leggetelo al mare che sennò vi vengono tutte le paranoie dell’universo
- l’altro è IL CATINO DI ZINCO di Margaret Mazzantini. Non amo particolarmente la Sig.ra Castellitto, ma passeggiavo in libreria e ho visto questo libro in edizione economica. E siccome edizioni economiche di Marsilio non ne avevo mai viste mi son fatta tentare. Bèh, leggetelo. Mi ha incantata e fatto ricordare mia nonna e le sue storie.

Buona lettura.

E buona dipendenza…

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code