Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
17 ottobre 2013 4 17 /10 /ottobre /2013 14:00

scherl-elca-sisters-in-berlin-1925.jpgTutte le cose belle finiscono presto e così anche le vacanze. Capita così che mi tocchi di tornare a casa dopo cinque giorni berlinesi e all’aeroporto di Schonefeld trovare al teminal di Easyjet talmente tanta gente da farsi venire la claustrofobia. Ma siamo in anticipo, siamo innamorati e non abbiamo bagaglio da imbarcare, quindi io e l’Amoremio siamo belli tranquilli e rilassati. Non si va in vacanza per questo?
facciamo la fila, chiacchieriamo, lui si preoccupa se sto bene. Sto bene, lo giuro, anche se c'ho la panza da bevitore di birra tedesco.

Arriviamo ad una svolta della fila accanto al check-in per l'imbarco in stiva, quando un'orda di persone si inserisce di violenza sbraitando e spingendo.
Indovinate di che nazionalità?

Sì, bravi. Avete vinto una bandierina dell'Italia da ficcargli in un occhio.

Non posso esimermi, non ce la faccio.

"Ehi, guardate che la fila comincia trenta metri più giù!"

Capofila della combriccola dal chiaro accento romano e una bionda che non sfigurerebbe in un Jersey Shore all'amatriciana, dall'età apparente intorno alla cinquantina e con problemi al biondo dei capelli: "Ma noi una fila l'abbiamo già fatta: quella per l'imbarco bagagli! Siamo corretti!"

"Ma davvero? Invece noi abbiamo portato meno roba e piegato i vestiti ad origami perché siamo sadici e pure un po' tirchi dentro."

"..."

"La fila comincia da laggiù, signora mia."

"Nun credo proprio!"

Sto per partire alla carica quando l'Amoremio mi trattiene con uno sguardo chiaro: vale la pena?

Vale la pena di incazzarsi per una questione di principio, perdere  i benefici di una vacanza appena giunta al termine, picchiarsi con una cafona per nulla?

No, effettivamente no.

Lascio perdere sopportando stoicamente anche il ciarameglio ingiustificato della combriccola, che ha invaso il piccolo terminal trasformando un luogo tranquillo in una molesta borgata.

Per lo scorrere della fila la bionda raffinata si ritrova al mio fianco per puro caso, poggia gli occhi matitatissimi sulla mia pancia e sgrana le sue tonnellate di ombretto.

"Oh, ma sei incinta!"

"?!?!"

"E me lo potevì anche dì, che ti lasciavo passare no?" Mi dice col suo più materno dei sorrisi.

Sorrido anch'io, dolce e materna: "Signora, io pretendo rispetto come essere umano, non come incubatrice."

E procedo.

 

L'ho già detto che la maternità mi ha migliorato il carattere?

 

Condividi post

Repost 0
Published by Phoebe - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code