Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
23 dicembre 2013 1 23 /12 /dicembre /2013 09:21

La mia Peugeot mi sta per abbandonare, oramai è un evento certo ancorché imprevedibile. Quando avverrà il fattaccio non si sa, ma la morte della lucina del portabagagli non fa presagire nulla di buono. Ma comprare una nuova macchina mi mette ansia. Un po' per i prezzi, un po' (molto) soprattutto per la manutenzione. Che per noi donne è una cosa praticamente incomprensibile. Almeno per me.
C'è da cambiare il filtro dell'olio?
Ah, sì? Aehm.

L'altro giorno, sfogliando il giornale in sala d'attesa dal medico, mi sono imbattuta in un bell'articolo sul car sharing che potrebbe essere una valida alternativa. Ma ovviamente vale (per ora) solo per Milano. Figuriamoci se in Umbria.

Il car sharing in questione è stato creato da ENI con lo scopo di ridurre il traffico all'interno delle nostre città sempre più congestionate e dare un nuovo volto alla mobilità. Il progetto Enjoy di  ENI prevede una flotta di oltre 300 auto (Fiat 500 e 500L, a seconda dei posti auto necessari) griffate, prenotabili tramite il sito internet oppure l'app scaricabile per iOS e Android. Con le stesse modalità si può trovare l'auto libera più vicina e noleggiarla al volo in pochi semplici passaggi.

Il costo di questo nuovo car sharing è di 25 centesimi al minuto per i primi 50 km, per poi passare ad una tariffazione al chilometro, sempre di 25 centesimi/km. La tariffa è all inclusive e comprende matutenzione, carburante, assicurazione. Pure filtro dell'olio, dicono.
Ma i vantaggi di Enjoy non finiscono qui.
Quanto trovate uggioso in una scala da uno a  dieci dover parcheggiare nelle nostre città? Lottare con gli ausiliari del traffico, con le strisce blu che piovono dal nulla nella notte, con le macchine in doppia fila? Ecco, con Enjoy potrete entrare nell'Area C di Milano e più in genere parcheggiare nelle strisce gialle per i residenti ed in quelle blu completamente gratis. Comodo, no?
Solo per quanto costa il parcheggio a Perugia, sarebbe una rivoluzione copernicana.

Ad ogni modo, trovo che in periodi come questo (ma non solo) il car sharing sia una idea vincente e spero  vivamente che l'idea di ENI non rimanga confinata alla città di Milano. 

E a voi? Piacerebbe fare car sharing?
O avete paura di dividere la macchina con qualche bifolco che lascia le cicche in macchina e fuma come un turco?
Oppure siete fanatici delle quattro ruote e ne volete una in esclusiva da coccolare e lavare la domenica? Come l'italiano medio dei film di Verdone tenete più alla macchina che alla fidanzata?

Attendo considerazioni.


Articolo sponsorizzato

Condividi post

Repost 0

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code