Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
15 febbraio 2005 2 15 /02 /febbraio /2005 13:07

Qualche volta la vita mi fa paura.
La vita è un vortice, corre, scappa via veloce e cattiva.

Un nuovo lavoro che non è proprio quello che ho fatto finora, uno vecchio da lasciare con tutti gli strascichi e ammenicoli vari ed eventuali, materiali e spirituali.

Una persona che ritenevo importante che bussa per rientrare un po' nella mia vita. Anzi, no. Bussa alla mia porta per divertirsi e vedere l'effetto che fa. L'effetto che fa è quello del terremoto dell'Irpinia, più o meno, ma non è che posso tanto darlo a vedere, chè sembrerei immatura ed anche un filo deficiente.

La mia vita che scorre, la vedo. E' lì che gira come una trottola, di quelle che si caricano a molla da sopra. ne avevo una da bambina, e ogni volta che la carica finiva ci rimanevo male. Avrei voluto continuare a vederla girare all'infinito, sfidando l'impossibilità del moto perpetuo.

Sono stata così presa da ME e dai miei ultimi problemi da non vedere i problemi, le preoccupazioni e le rughe di chi mi sta più vicino di tutti.
Le turbe, le infelicità, le solitudini che albergano nelle menti di chi mi vive accanto.
E poi, all'improvviso, ti arrivano veloci ed improvvise come uno schiaffo in faccia a piena mano.

No, niente di grave,di irreparabile. Niente materiale da Film Dossier, per carità. Casa mia non è certo Casa Forrester, per tanti e tanti motivi.
La banale quotidianità, il tran tran.
Ma è proprio questo.

Inseguiamo la felicità, la serenità, l'appagamento, l'amore.
Le inseguiamo prendendo delle strade che, al momento, ci sembrano ottime, giuste per noi.
Ma se non lo sono?
Possiamo continuare a lottare ed elemosinare amore anche dopo tanti anni?
Non cambia mai niente?

Possiamo vivere nella sottile infelicità?
E' questa la condizione abituale dell'età adulta?
Oppure, è questo che vuol dire comunemente "essere sereni"?
Vuol dire essere cullati nel limbo delle giornate tutte uguali, sperando che non venga peggio?

Vedersi crescere le rughe, imbiancare i capelli e crescere l'indifferenza di chi ci sta accanto?
Magari io sto esagerando, sull'onda emotiva della SPM e degli occhi tristi di mia madre. Di sicuro ci saranno tante belle cose, tante cose che anche lei si è solo dimenticata in un momento di sconforto.
Però, magari, anche no.

Ma la felicità esiste?
E se esiste, è patrimonio degli sciocchi che non vedono più in là del naso o delle persone semplici?
E' giusto inseguirla?
Oppure è come Will Coyote all'inseguimento di Beep Beep?

Ecco, io mi sento molto come se una pietra mi stesse per cadere in testa.

E mica lo so se c'è scritto ACME sopra...

Condividi post

Repost 0

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code