Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
22 febbraio 2009 7 22 /02 /febbraio /2009 11:30
A volte mi capita di ascoltare di straforo i discorsi della gente.
Non è che io voglia origliare, ma mi viene spontaneo, specie se chi blatera in pubblico parla 50 decibel più forte del tollerabile.
A quel paese la privacy, insomma.

Oggi c’erano due ragazze, una bionda e una mora, di quelle che fan ginnastica tutte impettite e nemmeno sudano, quelle che non si spettinano nemmeno dopo due ore di cyclette e che hanno il rossetto stuccato sulle labbra la cui lamentela  famigerato corso prematrimoniale.
Ora, la bionda di sposa ad ottobre ed è “obbligata” a frequentare questo corso in parrocchia in cui si redarguiscono i futuri sposi su gioie e dolori del matrimonio.
La bionda sbuffava come se fosse stata una locomotiva dei primi del novecento, perchè a quanto pare sottrarsi è impossibile anche con la febbre a 40.

E mi è venuto da ridere.

Non ho mai avuto il piacere di partecipare a uno di questi illuminantissimi corsi, ma una mia cara amica si è sposata in chiesa e mi ha redarguito in merito in tempo reale.
Tanto per cominciare prima di tutto quello che non mi sta bene è l'obbligo. Io non sarò molto religiosa, ma non mi pare che ci sia scritta da nessuna parte sta cosa. E poi la parola “OBBLIGO” fa scattare tutti gli allarmi del mio cervello.
Perché? Obbligatorio ma di che cosa? Perché? A che serve?
Secondo, la mia amica raccontava ridendo le serate passate al corso, tenute da una coppia di ottuagenari coniugi che cercavano di spiegare la vita di coppia a dodici futuri sposi con all'incirca un quarto dei loro anni.  I vecchietti erano assai carini e, come affermava la mia amica, dolci da vedere, ma terribilmente fissati con la castità prematrimoniale come jolly per una vita serena. Un po' tardino me lo dite, no? Dovevate passare almeno una ventina d'anni fa, ora siamo fuori tempo massimo.
Ora, io capisco tutto, ma non saranno stati consigli un po' anacronistici?

Peggio ancora è andata a mia cugina, che si è ritrovata un giovane prete dalla fede infuocata che teneva serate piene di verve contro l'arroganza dei tempi, il divorzio (porterà sfiga?), il demonio che incombe e la mancanza di sottomissione della donna (con il futuro sposo che ridacchiava e mia cugina che lo fulminava con lo sguardo).

Tutto sommato sì, il corso prematrimoniale deve essere divertente, un po' come andare allo zoo. Non ne capisco l'utilità, trovo sia assai sciocco, ma capisco che possa divertire. Ma utile no, via. Siamo seri. Utile no.
Però se vuoi vestirti di bianco, rispettare l'iconografia, essere una sposa con tutti i crismi anche se non ti confessi dal 1997 e alle medie praticavi sesso orale dietro i giochi del parchetto, ci devi andare ed è la panacea di tutti i mali.
Solo così puoi essere una brava ragazza e in pace con Dio, a posto con la coscienza e degna della comunione con Dio. Se vuoi costruire una famiglia felice ed ordinata come gli scaffali dell'Ikea, allora l'iter è questo, sennò verrai fulminata e vivrai nel peccato.

Io, francamente, troverei più utile un corso che mi insegnasse ad usare la lavatrice.

Anzi, se lo trovate...

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code