Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
24 giugno 2010 4 24 /06 /giugno /2010 20:24

Io i crucchi li conosco bene.

Vivo infatti da sempre sul Trasimeno, terra di conquista di orde di barbari dall’idioma metallico capaci di mettere letteralmente a ferro e fuoco piccoli paesini famosi per la loro quiete (e la noia).

In più ho affittato casa a villeggianti stranieri per dieci anni, quindi fidatevi: ne so. I turisti che arrivano qui sono (per fortuna) ancora molti, anche se non come negli anni ottanta. Belgi, olandesi, francesi. Anche americani e canadesi, a dire ilv ero. Tutti gentili e attenti alle bellezze del territorio, ho sempre avuto belle esperienze nonostante le eccentricità inevitabile di alcuni. Ad esempio, mio sono vista offrire vino bianco con cubetti di ghiaccio e caffè improbabili, ma ho sempre accettato con un sorriso la cortesia.
Gli olandesi, per esempio, sono un popolo favoloso.

Ma con i tedeschi no.
Per questo quando nel planning degli arrivi leggevo la provenienza, montavo il sorriso d’ordinanza: sapevo ne avrei avuto bisogno.
Il crucco medio arriva in Italia già convinto della sua superiorità.
Ti guarda come se fossi una merda, e col suo inglese reso incomprensibile da un accento irritante come il graffio del gessetto sulla lavagna ti chiede se c’è una birra in frigo.

Tu sorridi e rispondi: “No, guardi, solo acqua” e lui ti guarda come se ora davvero ne avesse la certezza: sei una merda.
Poi, sempre nel suo inglese approssimativo inizia a farti mille richieste.

“Funziona la lavatrice?” “Ovvio”
“Il cancello è automatico?” Ma pezzo d’idiota, secondo te l’ho aperto a mano perché sono fessa?? “No, mi spiace”
“Lenzuola e asciugamani li cambiate tutti i giorni?” Eccerto, è il Ritz questo! “No, una volta a settimana”
“Il letto lo rifate voi? Quando venite a pulire?” Ahahahhahahahahhaahhahah! “No, guardi, la pulizia avviene a fine vacanza”
Li vedi la mattina alle dieci al bar far colazione con cornetto e birra media. Anche due, và.
Il cappuccino, invece, no. Loro il cappuccino lo bevono dopo pranzo che aiuta la digestione.

E pensare che questi ci prendono anche allegramente in giro.

Ma l’apice fu una famiglia tedesca composta da due genitori attempati e due figli molto più che tardo-adolescenti. Mi chiamarono alle nove di un sabato sera sul cellulare: “Guardi, abbiamo un problema GRAVISSIMO. Dovete venire SUBITO!”
Io e mio padre siamo corsi immaginando allagamenti, corto circuito, cataclismi.

Niente di tutto ciò. “Le porte cigolano”
Io: “…”
Mio padre: “Ma sei sicura di aver tradotto bene?”
Io: “Sì”
Mio padre: “…”
Io: “…”
Immaginate la scena. Mio padre che passa lo svitoil alle nove e mezzo di sera, vestito di tutto punto per uscire, che bofonchia frasi “Diglielo a ‘sti crucchi che la guerra l’abbiamo vinta noi” o “Mangiapatate di m***a”, accompagnati da coreografici “Crepa crucco”. Il tutto mentre io sorrido con una paresi facciale simil-botox e sottolineo la felicità di mio padre nel poter essere d’aiuto. Sì sì, certo. Come no.

Tutto questo per dire che non mi piace parlare degli esseri umani a “razze” come fossero cani. La divisione tedesco, olandese, italiano, padano (oops, dimenticavo: la Padania non esiste!) ha poco senso ed è spesso vittima di stereotipi.

Ma certe popolazioni per come si comportano fuori da casa loro se lo meritano.

 

Per esempio noi italiani…

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code