Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
16 dicembre 2010 4 16 /12 /dicembre /2010 09:12

Tu pensi che a trent’anni o giù di lì l’essere single sia una scelta.
Un lavoro, una carriera, una macchina, una casa, un giro di amici, aperitivi, inaugurazioni, viaggi e così tanti impegni che l’agenda non basta.
Corri, corri, corri.

Magari c’è anche il tempo per un eclettico trombamico, nulla di più.
E la sera torni alla tua casetta vuota, animata solo da un gatto ciccione ed un po’ egoista, che adori ma che ti guarda male per la tua prolungata assenza.
E qualche volta, mentre ti togli il cappotto e lui miagola assatanato, pensi che forse dovresti comprargli scatolette più gustose per sopperire l’assenza ed evitare che ti tagli la giugulare mentre stai dormendo.

 

Ma ti basta, donna trentenne sulla cresta dell’onda?
La mattina passando il fondotinta davanti allo specchio ti dici di sì, specie se pensi alle tue amiche accasate che si lamentano tutte della loro vita da casalinghe disperate e del decadimento della loro vita sessuale.
La sera, togliendoti il fondotinta invece no, perché la casa è un po’ troppo silenziosa. Chiusa la porta sei tu e basta, e anche se non sei casalinga a volte un po’ disperata ti ci senti.
 

Ed è così che la vede Marta dall’alto dei suoi trentacinque anni.
 
Marta, sì.
 
Lei che a tutte le feste comandate, battesimi, compleanni e matrimoni di familiari che non riesce a dribblare con un triplo carpiato in avanti si sente chiedere dalla vecchia zia megera di turno: “Ma tu? Ti sei fidanzata?”.
E lei vorrebbe rispondere all’attempata strega che no, non l’ha trovato il fidanzato, ché mica crescono sui rami degli alberi. E poi, cara zia, ma tu lo sai com’è il mondo là fuori? Lo sai com’è diventata la società oggi? No, non negli anni ’50, quando andavi a messa e il garzone del bar ti occhieggiava mentre passavi col fazzoletto di pizzo in testa, no.
Oggi, cara zia. L’uomo medio ultratrentenne se è single o si sente Dio o si sente Corona (che è pure peggio) o è sotto un treno per lasuaexchel’halasciato’stastronza, e quindi troppo traumatizzato per interagire con te ad un livello superiore a quello della scopata a scopo ludico. 
Se non è single e allunga le mani, poi, meglio sorvolare, cara zia mia, che te lo dico affà?
Oppure vorrebbe risponderle con un “Cara zia, sono lesbica. La mia fidanzata si chiama Claudia, mò te la presento” e assistere all’angina della parente con il sorriso sulle labbra.
Ma è troppo buona Marta, o solo troppo stufa. E oramai se ne accorgono tutti.
Ha perso un po’ del suo smalto, è stanca. Annaspa tra frequentanti orridi cerebralmente che parlano a ruota libera di lavoro o, a scelta, per tre ore consecutive delle App del loro Iphone4.
“Senti, Marta, perché non fai come a fatto il mio capo? Lui si è iscritto ad un sito di incontri e ha trovato una nuova compagna dopo un paio di tentativi andati storti.”
Marta si riscuote dal Menu degli aperitivi e mi fissa come se fossi un alieno. O anche una cacca.
“Ma sì!” la incalzo io “te lo giuro! Pensa, è così di buonumore che mi ha anche dato l’aumento! Il primo in cinque anni!!!”
“Senti, scusa. Ma il tuo capo non è ultrasettantenne, vedovo e straricco? E ti chiedi come ha fatto a rimediare una nuova fidanzata? Come minimo sarà una spogliarellista moldava…” sghignazza bevendo il suo spritz.
“Ma proprio no!” insisto io facendo altrettanto “Anzi, è una bella signora vedova pure lei, hanno in comune la passione per il giardinaggio e stanno tutto il weekend a piantar gerani. Guarda, ti giuro. Lui dice meraviglie di ‘sto sito. Ti fanno dei test per trovare la persona giusta e anche gli incontri sono seri e selezionati. Provalo, no?” Non mollo l’osso, stavolta.
“Senti, ti ringrazio. Lo so che mi vuoi bene e mi vorresti felice, però no. Mi sembra una cosa squallida e mi sentirei davvero all’ultima spiaggia. No, proprio no.” E così dicendo tira fuori il portafogli e  paga anche per me.
Ci alziamo, ci salutiamo.

Io la mail gliela mando lo stesso, poi si vedrà…

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code