Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
29 dicembre 2011 4 29 /12 /dicembre /2011 12:13

4a4b124f25b72_big.jpgVe la ricordate la storia del pozzo dei desideri?

No? Eppure, da affezionati lettori dovreste proprio!

Vi perdono, ma solo perché siamo sotto le feste e perché non solo l’anno sta per finire, ma il prossimo contiene in sé la profezia maya preferita da Giacobbo.

(Vi concedo trenta secondi per scongiuri, toccatine al ferro e/o alle parti intime se siete maschietti).

 

Dicevamo.

 

Mio nonno materno, che da piccola era il mio eroe, aveva un pozzo nell’orto, uno di quelli antichi costruiti in muratura.
Era coperto da un piatto di metallo alto tre dita e sovrastato da un pergolato di viti (voltabotte, in dialetto perugino) che in tarda estate traboccava d’uva.

Un posto fresco ed ombreggiato d’estate, in cui trasferivo tutto il mio armamentario di bambole e affini durante la bella stagione.

Ve l’ho già detto che mio nonno era il mio eroe? Sì, credo di sì. Ma non era solo questo. Lui sapeva capirmi, guardarmi dentro e vedere cosa c’era nella mia testa di bambina.

Ricordo i suoi occhi buoni, luccicanti d’amore per me.

Non ricordo più la sua voce, invece, l’ho dimenticata.

 

Lui mi raccontava del pozzo dei desideri, mi spronava ad esprimerne sempre di nuovi. Nuove ambizioni, nuove richieste, nuovi sogni da vivere.

Mi metteva in mano una monetina da 5 lire e chiudendo gli occhi la buttavo nel pozzo.

Sognando.

Sperando.

Credendo nei folletti che c’abitavano dentro.

Quale fossero i miei desideri di allora non ricordo. Probabilmente chiedevo una sorellina ai folletti (poi è arrivata e gli dico grazie perché la adoro) o la casa di Barbie superaccessoriata o il galeone della Playmobil (questi non sono MAI arrivati. Se il pozzo esistesse ancora, magari sarebbe il caso di protestare, cacchio!)
Oggi, cosa gli chiederei?

No, non la pace nel mondo come una Miss Maglietta Bagnata qualsiasi. Gli chiederei però di fermare la folle corsa all’arraffo che domina il mondo, una spirale vorticosa del più forte che strappa tutto al più debole, di gente che non ne ha mai abbastanza, che ringhia e morde come il peggiore dei lupi. Una lotta impari, che porterà senza dubbio alla distruzione del genere umano, se ci va bene, o del mondo in generale, se ci va a schifo.

Lo so, è un desiderio irrealizzabile e anche un po’ banale, magari non è adatto per i folletti.

Facciamo così, va bene anche se mi fate arrivare la casa di Barbie entro il 2012.

In ritardo, ma m’accontento.

 

E voi?
Cosa chiedete al folletto del pozzo dei desideri?
Quante monetine vorreste buttare?
E quali, visto il valore calante dell’euro?

E ci sarà ancora l’euro nel 2012?
Esprimete i vostri desideri ad occhi chiusi, mi raccomando.
Concentratevi… e via!

Abbiate il coraggio di esprimere i vostri desideri e di lottare per realizzarli… anche con l’aiuto del folletto, certo.

 

 

 

E buon 2012 (senza Maya, please)…

Condividi post

Repost 0
Published by Phoebe - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code