Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
29 settembre 2006 5 29 /09 /settembre /2006 11:39
 

Certe volte sembra che non accada mai nulla, che la tua vita sia “perfetta” nella sua immobilità, incasellata alla perfezione in un puzzle semplice e complicato come un tramonto su Shangai.

Poi, all’improvviso.

Tutto inizia a correre, rutilante, a cambiare vorticosamente e non puoi fare nulla per evitarlo, nemmeno volendo.

Tutto sembra crollare e cadere giù come in una brutta copia di Matrix.

E noi non siamo in Matrix. Vero?

Se lo siamo, dove diavolo si è cacciato Keanu Reeves???

Magari, ed è molto probabile che sia così, le cose stavano cambiando impercettibilmente già da un po’. Già da sempre, magari. Ruotando lentissimamente come gli ingranaggi di un orologio enorme. Ma, accecata dal tran tran, non te ne accorgi. O non vuoi accorgertene.

Io non me ne sono accorta.

CACCHIO.



Poi un giorno ti svegli ed i tuoi punti di riferimento, le tue caselle ben ordinate non ci sono pù.

Hai come l’impressione che il tuo mondo si stia sgretolando come una scatola di biscotti messa in fondo alla busta della spesa.

 

Too dramatic?

Maybe.

 

Le palestre chiudono.

Mia nonna mi ha lasciata.

Gli amici si allontanano. Non solo fisicamente. E non per cattiveria.

Le strade cambiano i sensi di marcia e spuntano le rotonde, in cui i vecchietti non sanno andare.

Partenze. Sparizioni. Liti. Viaggi. Ritorni.

Tutto cambia e niente è più come prima”, direbbe il solerte Giacomo nella sua infinita saggezza maschile.

Ed è vero.

Rapidamente.

 

Mi sentivo protetta.

Scioccamente sicura.

Tranquilla.

Privilegiata in una serie di affetti che credevo non sarebbero mai venuti meno con il passare del tempo.

Ma l’immutabilità non esiste.

La vita è fatta di cambiamenti, magari anche traumatici che non devono essere per forza essere negativi.

Ma servire per crescere.

Almeno un paio di centimetri.

 

Anche se ora mi sento come sospesa su un filo, col mio ombrellino soltanto ad aiutarmi nell’equilibrio. Un passo dopo l’altro, senza sapere quel che mi aspetta.

Con poche certezze nella vita e tante domande.

Ma forse, come afferma Carrie in una puntata chiave della sesta serie di S&TC, è finito il tempo delle domande, delle chiacchiere e dei problemi.

 

Ora bisogna cominciare a vivere. 

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code