Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
26 luglio 2004 1 26 /07 /luglio /2004 12:00
Ci sono lati del mio carattere che mi lasciano senza parole.
Sì, lasciano basita proprio me, legittima proprietaria di quel residuo di cervellino che mi porto a spasso attaccato al collo. Pensa un po' gli altri che ci dovrebbero capire.

Un lato sconcertante della mia personalità (che mi è stato fatto notare dal solerte Giacomo, che non me ne fa passare una) è la mia totale ed assoluta incapacità di accettare complimenti.

No, non è falsa modestia.
Magari. Non starei qui a dissertarci sopra.
Proprio non ci credo.

L'esempio tipico di questo mio scetticismo totale ve lo porto al volo.

Venerdì pomeriggio camminavo nell'ingresso di un grande magazzino e uno mi apostrofa fischiando un "Complimenti!".

Ora, io nell'ordine ho pensato:
1) Dici a me?
2) Ma sei sicuro?
3) La fame è una brutta cosa.
4) Sei cieco.
5) Questo qui mi sta prendendo per il culo (Oui, je parle français).
BINGO! Ecco, è così.

Fattostà che gli ho risposto con uno sguardo inceneritore che avrebbe messo paura a Freddy Kruger.
All'onor del vero, il tipo era pure bruttino, sennò magari avrei cercato di approfittare di quel suo minuto di follia. Invece sono passata oltre, pure seriamente indispettita.

E che proprio non ci riesco.
Non li so accettare i complimenti.
In nessun campo.
Pure se qualcuno mi dice:"Sai, scrivi bene!" la mia risposta automatica sarà: "Non credo. E comunque c'è di meglio"
E non c'è verso di farmi cambiare idea o di farmi credere che non si così.
Anche se mi dicono "Buono questo dolce che haifatto" mica ci credo (in questo caso è una cazzata di sicuro. Ma di sicurooo!!!).

Credo di essere patologica.
Come si chiama una che non accetta complimenti? Ci sarà una definizione medica apposita o riguarda solo me?

Forse dovrei farmi vedere da uno bravo.

Mi ricordo che una volta a 13 anni un ragazzo mi definì carina. Ci credete? Non c'ho dormito la notte, rigirandomi nel letto. Pensando e ripensando a che cosa diavolo avesse voluto dire. A occhi sbarrati fissando il soffitto bianco.
Ora ci dormo, ovvio, ma non ci credo.
Nel 99% dei casi, penso sempre che ci sia un secondo fine.
Forse perché, in effetti, alla fine c'è sempre.

Ora, come potete notare, la faccenda va avanti da un bel po' e non credo che oramai ci sia via di scampo.
Tra un commento negativo e uno positivo, la mia mente malata immagazzinerà sicuramente il primo, scartando a priori il secondo come una facezia da nulla.

Perché?

Magari una visitina dallo psicologo devo farla. Magari non da uno transazionale, ma l'idea di una visitina non è da scartare.

Solo una persona nella mia vita ha avuto il potere di farmi sentire davvero bella, come se fossi una fotomodella di Vogue solo perché i suoi occhi mi guardavano e le sue mani mi sfioravano.

Peccato che certe cose finiscano.

E che poi rimangano i segni...

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code