Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
10 gennaio 2012 2 10 /01 /gennaio /2012 07:33

imagesCATWNATS.jpgChe l’amore sia una questione complicata è abbastanza risaputo. Se fosse semplice come un fiume di montagna, certo parolieri e cantastorie, poeti e scrivani assortiti non c’avrebbero sprecato valanghe di parole ed inchiostro.

E’ complicato, sì.

Un po’ perché si parla di sentimenti, ed i sentimenti si sa che non hanno colori e confini definiti. Si intersecano, si confondono e si fumano in mille confuse geometrie. Non esiste bianco e non esiste nero, solo un rataplan di sconvolgimenti fisici e psichici. Ah, i sentimenti! Le emozioni. Siete contrari alle emozioni? Davvero? Peccato.

E poi uomini e donne. il problema più grande dell’amore è che sono diversi. Ma non un po’, sono proprio agli antipodi come modo di ragionare. E non che un modo sia giusto e l’altro sbagliato, no. E’ solo diverso.

Oddio, quello delle donne magari è un filino più giusto, ma in ogni modo.

Dicevo. Sì.

Nel rapporto di coppia le diversità uomo/donna emergono in tutto il loro fulgore, specie se servite col piatto della convivenza nella stessa casa. Uomo e donna hanno talmente punti di vista diversi (in genere) da non capirsi tra di loro. Tralasciando le amenità vignettisti che tipiche, dal calzino spaiato maschile lasciato in ogni dove alla tavoletta del water lasciata su (ma perché?) le differenze ed i motivi di attrito nel piccolo e nel piccolissimo sono ormai state sviscerate in tutte le sitcom americane dal 1970 in poi.

 

Ma non è questo che intendevo.

Sono le differenze nella comunicazione.

Noi donne siamo le regine del sotteso.

Con mezze parole, allusioni, sottintesi per noi evidentissimi pretendiamo che il nostro lui ci capisca al volo e stia sempre con le orecchie a mo’ di radar interstellare che nemmeno i Borg per capire, investigare o anche solo sospettare.

E lui, immancabilmente, non lo fa.

Anzi, dotato di comode pantofole non si accorge nemmeno che la sua compagna, quella che gli stira le mutande per dire, scalpita in preda ad un attacco di isteria e funesta rabbia. Perchè noi donne, anche se gli uomini che abbiamo accanto ci amano, vogliamo di più.

Vogliamo la magia, come disse Vivian Ward.

Quindi, se ci regalate un ferro da stiro più potente perché così facciamo meno fatica NON LA PRENDIAMO BENE. Anche se voi l’avete fatto con le migliori intenzioni, se ci avete riflettuto su e fino all’ultimo siete stati in ballottaggio tra quello e il finesettimana romantico in SPA.

Sì, noi donne vogliamo la magia. Vogliamo sentire l’amore anche in quei modi sdolcinati e un po’ scemi, che nel tempo sono diventati iconografia spiccia dei film coi cuoricini.

Ma che vi costa, maschi?

 

Un fiore, anche rubato al giardino della vicina, in un giorno che non è nulla.

Che vi costa? Quante guerre, liti e sofferenze sarebbero state risparmiate con un fiore?

Un bigliettino attaccato sul frigo con la calamita della Coop, che vi costa?

Un pensiero, non un miliardo.

Noi donne moderne ci contentiamo con poco, mica è necessario l’anello e la proposta fatta in carrozza sotto la neve a Central Park.

Basta meno, ve lo giuro.

Siamo molto molto sceme, noi donne, quando si parla di romanticismo.

 

Eppure, la stragrande maggioranza degli uomini non ci pensa.

E regala ferri da stiro.

Magari pure senza pacchetto.

NON VA BENE.

Fidatevi, prima o poi ne pagherete il conto.

 

Evolvetevi maschi, evolvetevi…

Condividi post

Repost 0

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code