Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
20 novembre 2009 5 20 /11 /novembre /2009 20:37
“Ma che fai, mangi?
Mi apostrofa da dietro un collega mentre pesco un Kinder Cereali dal distributore automatico.
Eccheccavolo, dopo una lezione di spinning mi ci vuole qualcosa da mangiare!” sbotto io.
“Ah, stai attenta che poi ti ingrassi!!!” mi risponde lui canzonatorio, gongolando come se mi avesse sorpreso a sniffare tre strisce di coca.
Me ne vado, biascicando tra i denti un “Ma-vedi-d’andà-dove-dico-io” che non ho avuto l’istinto di sbattergli in faccia di getto.

Ecco, ora il Kinder Cereali non mi va più.

Cretino.
Mi sento pure grassa.

Che poi, chi lo dice che una donna deve essere magrissima? Insomma, io porto la 42, ma nonostante questo non sono esente da battutine, prese in giro e illazioni qualora un rotolino si affacci là dove un occhio clinico può arrivare. 
Ma che palle…

Chi l’ha detto che la donna per essere bella e ammirata deve essere secca?
Facile. Lo dicono TUTTI.
O almeno i trequarti abbondanti del globo terraqueo.
Prima di tutto lo dicono i media: i giornali le passerelle della moda (con rare e misurate eccezioni), le pubblicità, i calendari “chic”. Sopra una certa taglia è subito calendario per camionisti e meccanici.
Lo dicono gli uomini, affascinati da corpi androgini che non fanno paura perché molto simili a loro. O comunque convinti che una possa essere secca a con le tette: illusi.
Lo dicono le donne, che si maltrattano nel tentativo di asciugare il grasso che secondo il DNA dovrebbe albergare in certe zone del corpo nella speranza che un aspetto filiforme le renda più forti, con più autocontrollo e potere. E più gnocche. Invece le rende Mocio Vileda parrucchierati e truccati.
Lo dice la gente, che guarda male e d occhieggia quando ti vede prendere un piatto di patatine fritte, manco fossi una obesa cronica.
Lo dicono le centinaia di siti e blog pro-ana e pro-mia, che adorano anoressia e bulimia come fossero dee a cui offrire mini gallette di farro e  tisane al finocchio.
Lo dice mia madre, che da quando ho preso due chili mi sta dietro come fossi una malata terminale, al grido di “Tu non ti curi più!

Inutile negarlo, inutile dire IO NO.
Il fenomeno che accoppia bellezza e magrezza è consolidato e ci vorrà tempo e fatica per far sì che la nostra società rientri in canoni più salubri e gestibili.
Prendete Kate Moss. La trovate bella? Elegante, sexy? Maledettamente minimal chic?
Sì, la vedete così (e ce la vedo pure io) anche se oggettivamente è un manico di scopa. Che si permette, tra l’altro, di affermare fiera che “Niente ha un sapore così buono come la sensazione della magrezza” salvo poi ritrattare quando l’ennesima ed inutile associazione di genitori la accusa di istigare all’anoressia.
Ma c’è forse bisogno che apra la sua piccola bocca a culo di gallina perché  questo accada? Non bastano già le foto pubblicitarie, i servizi e la sua immagine secca e fiera di esserlo sbatacchiata agli angoli delle strade ed alle fermate dei bus per instillare nella mente quel concetto di bellezza?
Ok, sono d’accordo che non si diventa anoressiche (solo) per questo. Ci sono mille altri motivi psicologici ed ambientali e dare la colpa alle riviste è riduttivo.
Ma come ci siamo arrivati? Come siamo passati dalle pin-up anni ’50 ai manici di scopa imperanti?
E’ forse un gelido tentativo di atrofizzare il cervello femminile in pratici crackers?

Ho deciso.
Io il Kinder Cereali me lo mangio.

E buon appetito… 


Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code