Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
1 febbraio 2005 2 01 /02 /febbraio /2005 10:04
Ieri sono stata a fare il tagliando.
Eh, sì.
Dopo il mio piccolo intervento dell’anno scorso (è già passato un anno!!!!) mi devo controllare una volta ogni sei mesi e così eccomi nello studio del Re dell’Ovaia, il ginecologo più caro, bravo e giustamente famoso della mia città.
Con cotanto pedigree, poteva essere un tipo puntuale? Ovviamente no, e mi tocca aspettare una lunga, lunghissima ora nella sala d’aspetto.
Nulla da dire. Leggo. Ma il libro è piccolo, e io sono notoriamente maledettamente veloce a leggere.

Mi guardo intorno.
Le donne che mi siedono accanto sono tutte INCINTA.
No, non sono solo incinta.
Hanno addosso una faccia da beota in pace col mondo. Oddio, magari sono solo drogate di ormoni, ma fanno impressione con quella fissità di sguardo. Ho un po’ paura.
E poi sono vestite tutte di bianco e rosa. Colori da nursery…
A guardarle bene, sono anche esageratamente truccate. Abuso sconsiderato di fard e di lucidalabbra rosa perlato.
Uff, che senso di oppressione. Ho quasi paura.
Ehm…

Speriamo si sbrighi” dice una.
Ehhh, sennò gli partorisco qui. Ahahahah!
Tutte ridacchiano.
Ecco, oramai la discussione è scattata, sono spacciata.
"Eh, eh... anch'io è un'ora che aspetto..." Sorrido stentata.
Mi ignorano, stizzite.

Sorrido stentata.
Io non ho il pancione, non faccio parte del loro club. Probabilmente mi odiano perchè non sono così grassa e infiocchettata. E perchè c'ho gli ormoni a posto. Bèh, più o meno...

La segretaria del megadottore mi chiama e lui mi accoglie nel suo rassicurante studio ovattato pieno di foto di bambini.
Il senso di oppressione sta lievitando.
"Allora, come sta dopo aver tolto il tumoretto?"
Ecco, io non lo apostroferei esattamente in modo così gentile; lo definirei piuttosto come una specie di Alien schifoso. Ma fa niente, mica mi posso mettere a polemizzare, e docile gli rispondo: "Bene, bene. Cicatrici rognose a parte"
Procediamo con la visita ed è tutto a posto per fortuna. L'idea di dover fare un'altra visitina dal chirurgo non mi entusiasmava poi molto.
Carina la battuta del luminare, neocatecumeno proliferante di figli, che mi fa: "Ma che belle ovaiette, quando lo metti in cantiere un figlio? E' uno spreco!!"
"Dottò, sarà pure uno spreco, ma me lo trova lei con chi farlo?"
"Ma non mi dica!!!! C'avrà la fila!!"
"Sì, sì" evito di aggiungere che tutti i miei ex sono quel che più si avvicina a grandi figli di...

Esco da questo posto demoniaco rasserenata e alleggerita di ben € 140, con la certezza che ci rivedremo tra un anno. Il chè è sempre troppo presto.
Sono uscita rasserenata, ma anche inquieta.

Sono in ritardo sul mio orologio biologico? TIC TAC, TIC TAC...
Chi è che non sta vivendo appieno la vita, io o loro?
E sarei io in grado di avere un figlio?
Sarò dotata dell'istinto materno? E' una cosa naturale oppure no?
E soprattutto, incontrerò mai un uomo con cui fare un figlio e costruire una famiglia?

Inoltre, continua a rimanermi in mente la futura mammina col cerchietto bianco, le guance rosse come Heidi e lo sguardo vitreo.
Aveva un po' lo sguardo da matta.

Mamma serial killer... Ok, la pianto con Palahniuk!

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code