Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
15 maggio 2013 3 15 /05 /maggio /2013 00:14

1e79189e-ce1a-45e5-861f-5cb88ad46d18A Milano sabato è successo un fatto orribile, un incubo senza alcun senso. Una tragedia che non ha una spiegazione, deplorevole, sbagliata, insanguinata.
Voglio che sia chiaro: io non la giustifico, non c'ho mai nemmeno pensato.
Un pazzo che prende un piccone ed uccide tre ignari passanti; un pazzo, appunto, pure se fosse nato a Vercelli invece che nel Ghana.

Ma invece di biasimare l'evento in sé, certa solita stampa e certi soliti partiti si sono buttati a capofitto sulla faccenda. Non sul padre di famiglia che stermina i suoi cari, fatto altrettanto aberrante.
No, meglio far leva sull'uomo nero che potrebbe uscire dall'armadio e sterminarci tutti.
Attenti!
Passi ciò che scrive Libero o il Giornale, ma su Facebook è diventata la sagra dell'imbecillità e del razzismo. Che poi, a ben vedere, sono due sinonimi.

Tutto ha radici non troppo lontane e trova la sua miccia nella nomina di Cécile Kyenge a Ministro per l'Integrazione. Che, come prima dichiarazione, urla la necessità dello Ius soli.
Fumo negli occhi per la Lega (o quel che ne resta), che prima non capisce, poi cerca nel Bignami di Diritto del Trota e s'incazza. Dare la cittadinanza italiana a tutti coloro che nascono sul suolo italiano? Anatema! Noi italiani siamo solo quelli presenti sul territorio da generazioni, con un pedigree da mammoni e mangiatori di pasta arruffoni certificato in triplice copia, sennò nulla! Ma scherziamo!
E paradossalmente l'evento orribile di Milano sembra aver legittimato l'ignobile partito de l'Italia agli italiani. Bel lavoro abbiamo fatto finora, sìsì, complimentoni.

Io la penso in modo ben diverso e mi sono espressa già molto tempo fa.
Siamo un paese vecchio, sterile, in cui gli over settanta detengono il potere tra mani incartapecorite, che non è più aderente alla realtà e vive scollato in una realtà da Carosello che non può più permettersi.
Volente o nolente l'Italia è diventata un paese meticcio e multietnico, che si regge anche sul lavoro di chi non vanta nonni italici. Il piastrellista albanese, la badante filippina, il corriere del Bangladesh e il facchino peruviano vivono la nostra quotidianità, mandano i loro figli alle nostre scuole e pagano le tasse come noi.
Cosa li rende diversi?

Se mai un giorno avrò dei figli vorrei per loro una società che profumi di pasta all'amatriciana e couscous, di tandoori e di pizza. E di tanti altri odori che loro dovranno scoprire giorno per giorno, mano nella mano con chi ha origini lontana, ma anche vicine.

Sono idealista?
Forse, non lo so.
Certo è che stasera mi sento molto scoraggiata.
Sto diventando sempre più intollerante con gli intolleranti, gli stessi che poi si riempiono la bocca di parole la domenica in Chiesa e buttano la monetina nell'obolo per far comprare la Golf al prete.

Io, francamente, la mia monetina me la tengo per altre occasioni...

Condividi post

Repost 0
Published by Phoebe - in sick sad world
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code