Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
22 dicembre 2010 3 22 /12 /dicembre /2010 08:57

Arriva il Natale, come tutti gli anni.
Argh.


Jingle bells, jingle bells…

Non è che io ami questo periodo dell’anno in modo particolare. Cioè, sono certa che lo amerei di più se avessi il tempo materiale e fisico di montare le decorazioni, fare a mano i centrotavola per il cenone, fare i biscotti a forma di stella e alberello, predisporre un presepe che nemmeno Edoardo, comprare regali con calma e godermela di più.
Invece sono presa in un inutile tourbillon di cose da fare, travolta da un uragano di incombenze e stretta in una morsa feroce dal mostro a tre teste e cento zampacce che è il mio lavoro.
Lo so, sono leggermente metaforica ed esagerata. Ma sono sovreccitata.
Ansiosa.


… Jingle all the way, Oh what fun it is to…

E il tempo passa senza che riesca a realizzare nulla. Nulla di quello che volevo fare.
Non è che Babbo Natale me porta due scatole di ansiolitici, eh?
Io già lo so, il tempo passa e i giorni scorrono come in un calendario dell’Avvento psichedelico.
Così mi ritroverò il giorno della vigilia senza aver fatto nulla di quello che speravo e con mille mila pacchettini ancora da fare. Che poi, a dirla tutta, non è che io, i pacchetti ed i nastri andiamo molto d’accordo.
I pacchetti, i pacchetti. Quanto sono belli quelli curati in ogni dettaglio, coi fiori secchi, le palline, i fili tono su tono.
Io invece sono una cialtrona rifinita: carta, nastrino oro e manco il biglietto che non ho avuto tempo.
Che personaccia che sono…

…ride In a one-horse open sleigh!!! Oh! Jingle bells…

Quindi anche quest’anno niente biscotti, niente presepe da competizione, niente fatto a mano, ma un solo triste albero di Natale da cui pendono decorazioni comprate al Penny Market l’anno passato e non fatte da me. Decorazioni che il mio gatto feticista tenta in tutti i modi di staccare dall’albero e portarsi nel suo stanzino, da cui riemergeranno presumibilmente a primavera.
Tra l’altro, il mio gatto vomita di continuo perché non ha capito ancora che l’albero non è commestibile. Quasi quasi per punirlo di tenta dabbenaggine gli metto un cappellino da Babbo Natale in testa, lo fotografo e lo schiaffo su Facebook.
Insomma, non sono una donna moderna, di quelle che riescono a far tutto e sono pure una bomba del sesso. A dirla tutta, sono una frana.
Mi arrendo.
Solo vorrei davvero sapere come fanno quelle che riescono a far tutto, magari utilizzando una pistola sparacolla.
Io, che al massimo a Babbo Natale chiedo una pistola sparachiodi modello Bret Easton Ellis, vi invidio proprio care reginette del bricolage e del fai-da-te.
Sono capitata in blog  e siti bellissimi, dove con estrema facilità tutorial ti spiegano come costruire cento diversi oggetti bellissimi, dalle ghirlande per la porta ai giocattoli per i bambini. E io li guardo e ripenso alle lezioni di Educazione Tecnica alle medie quando mi attaccavo pollice ed indice col Super Attak. Che bei ricordi.
In ogni caso, a parte la mia inettitudine, non avrei nemmeno tempo.
Devo fare ancora mille pacchetti e mi manca un regalo, per dire.
 
Speriamo che sia un buon Natale lo stesso, và…
 

 

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code