Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
18 marzo 2010 4 18 /03 /marzo /2010 20:14
I bagni nei luoghi pubblici, si sa, sono quelli che sono.
Nei centri commerciali, poi, frequentati il sabato da adolescenti in grande spolvero e trucco sbagliato ancora di più. Di solito, io, mica ci vado in questi posti qui. Ma ieri sera sono andata a vedere Alice in Wonderland (ne parlerò, oh se ne parlerò!!!) e mi son trovata a doverne approfittare.
Ad approfittarne, per di più, senza nulla da leggere. Perché io, senza, non riesco nemmeno a  fare la pipì, sappiatelo.
O meglio, dovreste già saperlo da un pezzo.

 
Ho sopperito così, come mio solito, leggendo gli immortali graffiti con cui minorenni in preda agli ormoni impazziti hanno omaggiato i servizi pubblici.
Ora, io sono un tipo abbastanza tollerante.
Insomma, abbastanza.
Almeno un po'.
Riesco a digerire le K, anche se mi rimangono indigeste.
Capisco persino 4ever e Xsempre, in fondo ci sono sempre state.
Riesco a immaginare anche l'amore emo per i Tokio Hotel nonostante il loro taglio di capelli improponibile.
Ma una cosa mi ha scioccato più di tutto.
 
Una scritta sula porta, in basso sulla destra: ANDREA TI LOVVO TANTO.
 
Ti lovvo... L-O-V-V-O. Lovvo. 
Lovvo, lovvo, lovvo, lovvo.
E anche tanto, Andrea mio.
Un bel po'.
...
...
Perché? Perché?
Perché uccidere l'italiano in questa maniera indecorosa?
Quale mente malata può avere partorito un simile orrore?
Che direbbe il mio prof delle medie, il severo Prof. De Meis? 
Ma questi ragazzini non hanno insegnanti, genitori, tutori legali? Possibile che non ci sia nessuno disposto ad assestargli uno scappellotto?
Siamo ridotti così male???

 
 
E soprattutto... ma quanto sono anziana?

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code