Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
1 giugno 2011 3 01 /06 /giugno /2011 18:55

 Berlusconi is not  speaking in my name, come se questo facesse differenza. Inutile scriverlo come stato di Facebook, inutile urlarlo ai quattro venti, lanciare pubbliche scuse sulle fan page di Obama. Arrendetevi: parla anche a vostro nome, a nome di tutti.  Anche a mio nome, per esempio. Perché, sebbene mi costi molto dirlo, è stato eletto dal popolo a maggioranza.

Un popolo onubliato dal carrozzone mediatico e dalle chiacchiere vuote delle tv commerciali, nonché dalle tette in bella vista delle veline, per carità.
Con una legge elettorale di merda inventata ad hoc per mandare su i servi del padrone, son convinta.
Ma , signori miei, resta eletto democraticamente a maggioranza e quindi la risposta è: sì, ci rappresenta tutti quando anche quando fa cucù alla Merkel o fa scene da pensionato con l’alzheimer al G8 con Obama.
E quindi parla  anome di tutti noi.
Lui siamo noi.
Anche all’estero, sì.
Anche se ci sbracciamo a dire no, non è vero.
Anche se esponiamo cartelli su internet per dissociarci.
 
Sempre finché non lo buttiamo giù dalla torre e per far questo bisogna alzare la testa.
E, per esempio, andare  a votare quattro bei SI’ al referendum del 12 e 13 giugno.
Anche se c’è il sole.
Anche se vorreste andare al mare.
Anche se c’è la fila.
Anche se non c’avete voglia.
Sennò zitti.
 
E fatevene una ragione…

 

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code