Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
30 novembre 2004 2 30 /11 /novembre /2004 16:13
Odio fare la fila alla cassa del supermercato.
Lo odio.

E' noioso, irritante, il tempo non passa mai ed è come in ascensore: uno non sa mai dove guardare.

C'è poi da dire che ogni volta che sono in fila, schiava affezionata e fedele della Legge di Murphy, succede sempre qualche inconveniente tecnico: finisce la carta e la cassiera neoassunta non è capace a cambiarla, va in tilt qualcosa, non si leggono i codici a barre del prodotto.
Oppure, peggio di tutto lo svampito che si dimentica di pesare la frutta e la verdura.

Ieri sera, bloccata in modo irreversibile all'altezza dell'espositore dei preservativi da una arzilla signora che non aveva pesato i pachini, si sono affastellate nella mia mente molte domande sui massimi sistemi.

Ma come mai in tanti anni in cui bazzico i supermercati, mai e dico MAI mi è capitato di vedere chiunque acquistare un pacchetto di preservativi? Li nascondono sotto la busta di piselli surgelati o tra i cartoni del latte? Oppure non li vendono proprio? E se è così, perché continuano a stare lì? E' un servizio sociale?

Perché si ostinano a metterli alla cassa tra le caramelle, le gomme, il Bounty e le pile della Coop? Vogliono esporre al pubblico ludibrio i peccaminosi acquirenti? Oppure far diventare viola ignare mammine alle prese con la stagione dei perché dei loro figlioletti di anni cinque? Non potrebbero stare nel reparto farmacia? Quale perversa e malata strategia di marketing ha portato a tutto questo?
Non credo che possa valere anche per loro la strategia delle caramelle "levedolevogliolecompro", a meno che non ci mettano accanto l'espositore delle riviste porno.

Perché sulle scatole dei preservativi ci sono sempre coppie belle e felici sui trent'anni che passeggiano felici e sorridenti su e giù per una spiaggia californiana? Oppure coppie intente a giocare, saltarsi addosso, ridere, scherzare? E perché le immagini sono tutte in bianco e nero e le donne hanno i capelli cotonati e gonfi alla Farah Fawcett? Non le hanno ancora cambiate dagli anni'80? E perchè c'hanno sti nomi improponibili?

Perché le cassiere della Coop ci mettono almeno 10 minuti a strisciare il codice a barre sul lettore e ti guardano come se stessero facendo un'operazione complicatissima, mentre una cavia peruviana da laboratorio potrebbe essere più rapida e di certo mille volte più socievole ed allegra di loro?

Perché su tutti i giornali, sia femminili alla Cosmopolitan che maschili alla For Men scrivono sempre che il supermercato è un luogo in cui "conoscere il vostro uomo / la vostra donna ideale" mentre al massimo ti puoi fare il sangue amaro scoprendo che il bonazzo biondo, alto e capello lungo che hai adocchiato tra gli scaffali è il proprietario di quel passeggino con dentro l'angioletto di un anno circa e della relativa produttrice?
Gli dovrei fare causa, io, a 'sta cartaccia...

Ecco, finalmente tocca a me.

Che fatica per un chilo di clementine...

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code