Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
12 luglio 2004 1 12 /07 /luglio /2004 13:00
Ad attendere l'ascensore che porta al parcheggio siamo una piccola folla: un ragazzo sui trentacinque (se ve lo state chiedendo, la risposta è no. E' orribile nonostante completo e cravatta ed è pure brufoloso), un signore anziano sulla settantina, io e un'altra donna, sulla trentina abbondante.
Come al solito l'ascensore ci mette il suo, guardiamo gli orologi, abbiamo tutti fretta.

PLIN PLON!

Le porte si aprono e il giovanottone schizza dentro come un razzo. Anzi, come se il razzo ce l'avesse dove dico io.
Il signore sulla settantina si scansa e rivolto a noi due fanciulle dice sorridendo: "Prego." e lo stesso fa all'arrivo al piano, mentre il trentacinquenne ha già vinto i 100 metri piani e sta infilando le monetine nella cassa automatica.
Un semplice prego e io e l'altra donna eravamo incantate da questo gentiluomo coi capelli bianchi, mentre guardavamo l'altro annaspare in cerca delle monetine con il labbro superiore arricciato dal disgusto.

Ora, io lo so che è una cavolata, ma mi ha fatto riflettere.

Primo: siamo sempre così presi dalla fretta, dallo stress e dalla fame di fare che spesso ci dimentichiamo del mondo intorno e di usare un po' di garbo. Uomini e donne, of course.

Secondo: spesso sono proprio gli uomini, in barba alla galanteria a strattonare, urlare e spintonare millantando urgenze lavorative e non che noi donne mica possiamo capire. Senza toccare l'argomento guida su strada...

CAFONI.

Però se la cavalleria è morta è anche un po' colpa delle donne. Conosco ragazze che si offendono a morte se un uomo apre loro la porta o cede il passo.
Sono capaci di vederlo come un'offesa alla loro indipendenza, alla loro capacità di fare da sole, alla loro uguaglianza col maschio.

Ma ditemi voi...

Per informazione vostra, io non sono tra queste sciagurate. Cedetemi pure il passo con un sorriso...

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code