20 marzo 2007 2 20 /03 /marzo /2007 21:41
Ci sono poche cose che odio davvero.

Gli hot pants.
Dan Brown.
Le sciarpe di seta colorate da uomo.
I boxer.
Le scarpe con la zeppa.
La nebbia.
Berlusconi.
Il cavolo bollito.
Che altro?
Ah, sì. Dimenticavo.

Il fumo.

Ebbene sì, io sono una di quelle persone rompiballe ed altamente rognose da cui, rivolgendo la canonica domanda “Ti spiace se fumo?”, vi sentirete rispondere la verità bruciante. E cioè: “SI

Signori e signore, avete davanti a voi proprio la più intollerante delle intolleranti, la figlia illegittima del Professor Sirchia, la nemesi dei nicotinomani indefessi.

Chiamatemi sfigata.
Antica.
Rompiballe.
Ma il fumo delle sigarette io lo odio.

Non ho mai fumato che un paio di sigarette nei bagni delle scuole superiori. Così, per sentirmi come gli altri nell’età in cui omologarsi è necessario come e più di respirare.
Un paio, non di più, che la paura di mio padre, ex fumatore con l’olfatto di un cane da tartufo, mi ha sempre impedito di perseverare in questo vizio. Probabilmente anche perché non lo volevo davvero.
Sono troppo schizzinosa.

Analizziamo il tutto:

1) Il fumo ha un cattivo odore, sgradevole anche per chi fuma. Soffocante, asfissiante, rimane appiccicato ai vestiti ed ai capelli. Mica come se fumaste qualcos’altro. Una puzza disgustosa, capace di farmi cadere la libido a velocità impressionante. Come se ciò non bastasse, si lega a meraviglia con al puzza di sudore o con l’alito cattivo, creando mix davvero molto sexy.
Specie se avete perso il senso dell’olfatto.

2) Avete mai provato a baciare un uomo che fuma? Nonostante gomme e mentine, sembra sempre di baciare un posacenere sporco. Non è un luogo comune, ma una esperienza diretta della sottoscritta. E non è che continuando la situazione migliori. Avete mai provato a leccare dei mozziconi di sigaretta? Il retrogusto vi rimarrebbe in gola per ore.
Ecco, più o meno è questo che intendo…

3) Molte donne si sentono Marlene Dietrich ne “L’angelo azzurro” con la sigaretta voluttuosamente appoggiata tra le dita. Non considerando che fumare quelle dita le fa diventare gialle, e dello stesso invitante colore diventano i denti. I capelli si assottigliano, la pelle si ingrigisce e le rughe aumentano. Vogliamo poi parlare dei polmoni? O della finaccia che ha fatto la Dietrich?

4) Le sigarette costano, sempre e sempre di più. E giustamente, cacchio. Dipendesse da me, un pacchetto di nazionali costerebbero € 10,00 e poi da lì a salire. Ci metterei anche qualche nuovo balzello sopra. Potrebbe essere una favolosa idea per risanare i conti dello stato, non trovate? Risanamento dei conti e, parallelamente, tutela della salute pubblica: scopa!

Ma tutto ciò non è che la punta dell’iceberg. Se è vero che ognuno fa quello che vuole nei limiti della propria libertà personale costituzionalmente garantita, vero è anche che questa libertà trova il proprio naturale limite in quella sacrosanta degli altri.

Concetto semplice, alla base di ogni moderna democrazia, al limite dell’ovvio.
Ma difficile da far digerire a chi fuma.
Mi scoccia dirlo, ma nella mia modesta esperienza fumatore fa rima con cafone.
No, non tutti.
Ma almeno nel 90% dei casi.
Non in tutti, eh, ma una buona fetta.

Se fumare mi dà fastidio oggi e mi dava fastidio ieri, probabilmente anche un Chro-Magnon capirebbe che mi darà fastidio anche domani. E dopodomani. Ed il giorno dopo ancora.
Quindi, fumatore, non ce provà! Non è che mi dimentico, è inutile.
Non fare il finto tonto.
Se tossisco, mi sposto, mi faccio aria e alla fine apro tutte le finestre anche se fuori ci sono tre pinguini che ballano la hula non è perché mi è arrivata la menopausa all’improvviso.
E’ che mi scoccia rompere sempre, ripetere a vuoto le stesse cose.
E  non tirare fori la storia che è un vizio. La nutella è un vizio, non questo!

Tuttavia, caro fumatore, se mi becchi nervosa, mestruata o dopo una cena con i parenti, sono cazzi. Rischi che la sigaretta io te la spenga tra gli occhi con cura e perizia, generando sulla tua fronte un bindi molto trendy e parecchio indelebile che sarà l’invidia di tutti i tuoi amichetti.
Mi sono spiegata?

Se siete arrivati alla fine di questo pippone contro il fumo, vi starete chiedendo: dove vuole arrivare?
In fondo, queste sono cose dette e stradette, utili come  un set di degustazione del tartufo, non c’è niente di nuovo.
Il punto è che io vedo solo le negatività, ma se c’è tanta gente che fuma… bèh, non voglio pensare che sia solo perché fa figo!
Perciò, cari fumatori, attendo da voi un elenco: voglio 10 buoni motivi per iniziare a fumare (e continuare).


Se me li darete non solo non scoccerò più, ma andrò dal tabaccaio più vicino e comprerò due pacchetti di sigarette, uno per il vincitore che avrà elencato tutte le sue 10 motivazioni, e uno per me.
Giuro che me lo fumo tutto.
Aspirando.

Lo giuro.

Resto in attesa fremente…

Condividi post

Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

spikette 23/03/2007

Grande phoebe! Anche io detesto il fumo. Visceralmente.

malessere 23/03/2007

Mah, secondo me per loro sarebbe MOLTO + facile scrivere 10 motivi per cui non riescono a smettere...

OmarM 23/03/2007

Non posso che essere d'accordo eppure non posso non ricordare con piacere il bacio con una ragazzotta che sapeva di galuasgialle. Sarà perchè è un bel ricordo adolescenziale?
Anyway, a fumare ci son rimaste soprattutto donne.

Saluti
Omar in fase de-lurking

anonimo 24/03/2007

Perchè mi piace. Penso possa bastare.

anonimo 26/03/2007

Ciao, oggi ho creato un iniziativa sul fumo, potresti manifestare il tuo disprezzo sul fumo tramite qualche scritta banner che ho creato. Il post lo trovi qua:

http://alessios4.blogspot.com/2007/03/fumi-o-non-fumi-iniziativa-storia-e.html

Saluti
Alessio

P.S.
IL FUMO FA SCHIFO

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità

Prénatal: pigiama


Design your life - Christof Innerhofer


Design your life - Davide Oldani



Gioca con Felix!

Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura

Condividi questa pagina Facebook Twitter Google+ Pinterest
Segui questo blog