Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
15 giugno 2004 2 15 /06 /giugno /2004 09:48
Per molti i sogni sono premonizioni, messaggi in codice da interpretare, misteri prodotti dalla nostra mente. Interpretabili secondo una cabala, possono anche far diventare milionari, chissà.
I sogni sono una porta verso l'ignoto, verso il nostro futuro.
Oppure con l'aldilà, perché no.
In una parola, magia.

Le stelle stanno in cielo
i sogni non lo so.
So solo che son pochi
quelli che si avverano...


Per altri invece è solo il parto della nostra mente, un rivivere gli accadimenti della giornata, le speranze, le gioie, le tristezze. E non vogliono dire proprio nulla. Anzi.


Io non so chi abbia ragione, so che io sogno tanto.

E io i sogni me li ricordo. Almeno, quasi sempre.

Ho sempre sognato, fin da bambina. Venivano a trovarmi nella mia cameretta mostri orribili che sgusciavano fuori dalle tende o da sotto il letto, con lunghi artigli al posto delle dita pronti ad allungarsi su di me e facce deformi e ributtanti che mi facevano urlare nel sonno e correre a perdifiato nel lettone di mamma e papà.
Oppure sognavo che le fate dei boschi mi venivano a prendere e mi facevano diventare una di loro, con tanto di alucce svolazzanti e trasparenti, proprio come nel libro sugli elfi che mi piaceva tanto.

Da grande non ho certo perso la mia vena onirica.
Continuo a sognare, e non solo ad occhi aperti (che quello potrei pure smettere di farlo e cominciare a ragionare in modo razionale che l'età c'è...)

Il sogno più assurdo che ho fatto è stato quello in cui tutta la mia famiglia si trovava catapultata in Schindler's List. Bèh, il sogno era in bianco e nero come il film e, se ve lo state chiedendo, no, non l'avevo appena visto, ma è successo ben due anni dopo. Potere della suggestione del cinema, forse, ma non è stato per niente divertente.

E poi ci sono i sogni ricorrenti, quelli che vogliono dirti qualcosa, ma proprio non sai che.
O che ti riportano alla mente momenti dimenticati, affossati nella malinconia e nel dolore.

Certi sogni sono così vivi che sembrano la realtà.
Odori, suoni, colori, tutto perfetto.
Ti svegli al mattino e pensi che il tuo sogno sia vero, cerchi la conferma e non la trovi.

E un po' resti scombussolato, sospeso in una realtà che non esiste.
Deluso.
Appeso a pensieri che non sono veri.
Fuori tempo.

A me successo da pochissimo.
Il sogno non ve lo racconto che devo giocare i numeri al Lotto, ma posso dirvi che c'entra un abbraccio.
Bellissimo.
Forte.
Inaspettato.
E che il suo peso me lo sono sentito sul petto per tutto il giorno, opprimente e dolce.
Ma allo stesso tempo amarissimo, perché solo un sogno.

Se m'esce la cinquina e divento milionaria vi prometto casse di Prosecco.

Condividi post

Repost 0

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code