Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
21 dicembre 2007 5 21 /12 /dicembre /2007 17:23
Il Natale è una strana bestia.
Ce lo sponsorizzano già da fine ottobre, con luci, Babbi Natale che si arrampicano in maniera inquietante sui balconi e un tripudio di rosso, verde e oro. Cercano di propinarcelo in tutte le salse, perché si sa: il Natale fa vendere.
Chi è che non fa nemmeno un regalino?
Anche uno piccolo!
Anche Scrooge compra una fetta di pane raffermo in più a Natale!!

E quindi le canzoni di rito, gli scampanelii, le candele rosse e il vischio ci riempiono occhi ed orecchie già da novembre, provocando quella strana sensazione di nausea e di giramento di testa che molti di noi iniziano ad avere con l’approssimarsi delle festività.
Che poi, mica lo so se tutto quest’anticipare Natale sia una cosa positiva o meno commercialmente parlando. Vediamo ghirlande di agrifoglio e lucine appese da talmente tanto tempo da dimenticarci quasi quasi della festività in sé. Senza considerare che tutta questa sovraesposizione a “Jingle Bells” e affini potrebbe causarci crisi nervose con tanto di rigiramento di bulbi oculari e camminata a ponte stile “L’esorcista”.

Io sono stata bambina negli anni’80, gli anni del consumismo, della nascita delle TV commerciali, della pubblicità e dei paninari. Oltre che delle spalline, ovviamente. E mi ricorderò sempre la ricerca che ci diede da fare sotto Natale la mia maestra della terza elementare: “Il Natale consumista”.
In pratica dovevamo cercare pubblicità, sia televisive che sui giornali, che usando come tramite il Natale invogliassero a spendere di più, ritagliare le immagini, motivarle e ragionarci su. Alla fine, con le immagini e le frasi più significative facemmo un cartellone da appendere in classe e questo fu il nostro lavoro natalizio. Di certo avevo una maestra illuminata e no global.
Le faranno ancora queste cose i bambini nel 2007?
No, perché io sotto le feste ci ripenso spesso e altrettanto spesso questo ricordo mi inibisce dal lasciarmi trasportare dell’inutile frenesia natalizia dell’acquisto ad ogni costo.

E proprio per evitare il consumismo esasperato (che poi ditemi chi se lo può permettere nel 2007), io e i miei amici già da qualche hanno abbiamo istituito la “Serata del regalo collettivo”. Scelta obbligata, visto che siamo una comitiva molto vasta e che tende ad allargarsi sempre di più. Veramente l'idea non è che sia proprio mia, l'ho copiata dal Presidente.
Diciamo che io l'ho solo importata in terra umbra e c'ho il copyright per queste zone.

Partecipare è facile e divertente: occorre comprare un regalo unico che deve essere:
- divertente
- non banale
- unisex
- con un costo non superiore ad € 15,00
Poi ci si vede una sera a casa di un fortunato a scelta, si mettono i nomi di tutti i partecipanti in un bussolotto e si procede. Ognuno estrae un nome e prende il regalo che questo ha portato. E via così, finché tutti hanno un regalo da scartare. Insomma, altro non è che una scusa per mangiare i  dolci natalizi, stappare lo spumante e farsi gli auguri in allegria e felicità, tornando a casa con un pensiero che comunque fa Natale e non obbliga a spendere miliardi in sciocchezze.

Perché Natale abbia un senso, qualunque crediate che esso sia: religioso, mistico o anche solo come una festa da vivere in famiglia coccolati e coccolandosi.

In tutti i casi, Buon Natale…

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code