Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
7 ottobre 2004 4 07 /10 /ottobre /2004 17:48
Eccolo.
Puntuale come l'equinozio è arrivato il raffreddore.
Ok, lo ammetto. Non ho messo la maglietta della salute ed ho anche viaggiato a pancia scoperta.
Contenti ora?

Come si fa a non ammalarsi?
La mattina c'è la nebbia da pianura Padana, alle 13 ci sono trenta gradi e la sera fa di nuovo freddo.
Raffreddore ignorante assicurato.

Quello che non fa respirare, che ti fa russare come il padre di Pieraccioni ne "Il Ciclone" causando tempeste elettromagnetiche e probabilmente anche il black out dei radar di Fiumicino e Linate, che innervosisce e fa valutare seriamente l'idea di una tracheoctomia.

Coff, coff!!!

Inoltre, mi fa parlare come la bambina del Vicks Vaporub col saggio di danza da fare proprio domani:

"Babbba, babba... dobani non poffo ballabe..."

Io con la stessa disperazione mi trovo a respirare con la bocca ed a girare con le gocce al mentolo in borsa.
Senza considerare le tonnellate di fazzoletti, che stanno indubbiamnte contribuendo non poco alla causa dello sfoltimento della foresta amazzonica.

Certo, la cosa bella è che le mie occhiaie fanno perfettanete pendant con gli occhi rossi che mi sono venuti a forza di esercitarmi a ripetere l'onomatopeica espressione "ETCIU'"!!!

Non c'è niente da fare, io sono un'animale estivo. E oggi mi sento come una di quelle povere api che, intontite, sbattono e sbattono lentamente sul vetro della finestra.

Ora scusatemi, vado a soffiare il naso...

Condividi post

Repost 0

commenti

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code