Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
7 luglio 2007 6 07 /07 /luglio /2007 22:38
Ci cresciamo fin da piccole, noi donne, con questa malsana idea.
Tutte le favole che la mamma premurosa ci leggeva erano impostate tutte allo stesso modo: lei in pericolo e/o infelice e vessata, lui risolutore che arriva sguainando la spada (fine metafora?) a risolverle la vita in un battibaleno, mentre il cielo si sciolglie in un happy end garantitto Disney.
E vissero insieme felici e contenti.

Ora, a parte il leggero anacronismo di tutta la questione, mi sento di sottolineare l'ovvio: perchè? Perchè ?
Perchè fissarsi nell'utopica ricerca e non accontentarsi di un uomo senza calzamaglia?
Ammesso e non concesso che geneticamente e anche culturalmente l'esistenza del principe azzurro sia possibile, cosa fa pensare ad ogni singola pulzella che il calzamagliato soggetto desideri e finisca per impalmare solo e soltanto lei?
Inoltre, siamo sicure che il principe azzurro una volta sceso da cavallo non voglia
le pantofole calde e gli stivali sporchi di fango lucidati come argenteria tardo-ottocentesca? Anche dando per postulata la sua esistenza, non è possibile matematicamente che esista un numero così esagerato di principi azzurri che possa arriviare a coprire le richieste. Secondo le statistiche ed i censimenti, non ci sono nemmeno uomini normali in numero sufficiente figuratevi principi azzurri.

Da qui si dipana uno sconcertante scenario.
Se da un lato centinaia (se non migliaia o milioni) di donne deluse reclamano la loro favola con tanto di happy end certificato ISO 9000, dall'altra si apre un mercato potenzialmente immenso. Fior fiore di ingegneri genetici bio-molecolari e via discorrendo (che volete da me, che ne posso sapere? Io ho fatto giurisprudenza!?) potrebbero creare il prototipo ideale in gradi di soddisfare qualunque donna grazie ai potenti mezzi della scienza moderna e l'uso eretico di celllule staminali.
Se fosse possibile, quali sarebbero le caratteristiche del Sig. Principe Azzurro?

- alto
- clone di Brad Pitt

- gentile ed educato

- innamorato

- servizievole (lava, stira, porta il caffè a letto)

- passionale ed "altruista"

- intelligente

Ora, se tutto questo vi sembra poco...
C'è da fare miliardi di euro con gran facilità. Un vero business.

Mi rendo tuttavia perfettamente conto che il mio progetto non è realizzabile.
Il problema non è la fattibilità, nè una eventuale immoralità dell'opera.
Sono sicura che il fine umanitario arrivi ampiamente a coprire la pseudo-morale cattolica.
Quel che mi preoccupa è la vastità dei modelli, ché ogni donna ha le proprie particolarità e diverse necessità. Io, ad esempio, al modello Brad preferisco il modello Vincent.
Ma non è l'unica peculiarità: c'è chi lo vuole alto, chi basso, chi coi capelli lunghi, chi rasato. Chi se l'immagina palestrato, chi lo preferisce smilzo. C'è chi ha la fissa per gli occhiali, chi per il sedere, chi per le mani. E via andando, catalogando migliaia di varianti non incasellabili in poche tipologie facilmente etichettabili in prodotti finiti.
Perché, ricordiamo al gentile pubblico, il Principe Azzurro deve essere perfetto.
Altrimenti non vale.

Quindi, nonostante l'esorbitante richiesta ed il mercato ancora inesplorato, per mancanza di fattibilità mi tocca ripiegare sul mio stipendino da impiegata.
Porca puttana. 

Tralasciando la pur sostanziosa parte economica, mi sorgono spontanee diverse riflessioni.
La prima è che noi donne a parole cerchiamo e bramiamo il Principe Azzurro.
Proprio lui, con le iniziali maiuscole e magari pure dorate.
Poi però, finiamo sempre con
l'innamorarci di una persona totalmente diversa, sia dal punto di vista fisico che caratteriale.
A dire il vero, finiamo nel 90% dei casi per innamorarci proprio di un discreto stronzo.
Del classico d
iscreto stronzo.
Cialtrone, menefreghista e che non ci tratta come vorremmo.
Anzi, come DOVREMMO essere trattate.
Ma è risaputo, l'amore è cieco, certe cose non si scelgono, non ci sono più le mezze stagioni, signora mia.
Luoghi comuni o no, succede. L'irrazionalità prende il sopravvento e ci ritroviamo inanmorate perse di uomini cui, in astratto, non permettereste nemmeno di mettervi la benzina alla macchina.
Chimica, feromoni, sfiga, predestinazione, masochismo.
Chiamatelo un po' come vi pare, ma è vero.

Come è vero che, per correre dietro a quello che è il Principe Azzurro noi donne siamo disposte a qualsiasi cosa: sottoporci a diete massacranti, strizzarci in mise improbabili, interessarci di sport abominevoli e perfino arrivare a leggere Coelho.
Oppure, come Catalina, protagonista del libro (nonché della telenovela più seguita del Centro-America) siamo disposte a sacrifici anche maggiori per farci accettare da colui che pensiamo possa trasformare la nostra vita in un castello di zucchero.
La verità è che nessuno arriverà a risolverci la vita, donne.
Non accade mai.
Non credo che sia finita così nemmeno per Cenerentola, a cui il Principe ha messo le corna con le orride ma assai zoccole sorellastre.
E nemmeno per la Bella Addormentata, costretta a filare tutto il giorno per mantenere un castello abbandonato pieno di spifferi mentre il Principe Azzurro se ne andava in giro ad ammazzare draghi.
Quindi?
Quindi, donne, tiratevi su le maniche.
Il Principe Azzurro bisogna conquistarselo a piccoli passi, perché è dentro di noi, non fuo
ri.


L'amore poi, è un'altra cosa  ancora...

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento
1 luglio 2007 7 01 /07 /luglio /2007 21:59
Driiiin, driiin!!!

Telefonata di metà pomeriggio della amorevole figlia alla madre.
Perchè io SONO una filglia molto amorevole e anche legermente apprensiva, specie con la mia poco pratica madre.
Ma torniamo al telefono che suona...

Driiiin, driiin!!!

Mamma di Phoebe: "Pronto?"
Phoebe: "Oh, mà? Tutto bene? Che fai?"
Mamma di Phoebe: "No, niente. Ho appena finito di fare yoga, ero un po' squilibrata. Dovevo meditare."
Phoebe: "..."
Mamma di Phoebe: "Dimmi, volevi qualcosa?"
Phoebe: "No, ecco. Ti volevo avvertire che non sono a cena stasera, vado con M. e C. a cena"
Mamma: "Mmm. Bene."
Phoebe: "Bene."
Mamma: "..."
Phoebe: "Che c'è mamma? Tutto ok? Sei strana..."
Mamma: "No, è che... è arrivata una pianta per te"
Phoebe: "In che senso una pianta?"
Mamma: "Una pianta, quanti sensi vuoi che abbia la parola pianta! Te l'ha portata il fioraio"
Phoebe: "Ma per me? Ma sei sicura?"
Mamma: "Sì, sì. C'è sopra il tuo nome..."
Phoebe:"Ah."
Mamma di Phoebe: "Nel biglietto c'è scritto... mmmm... aspetta... Spero che tu possa coltivare questo piccolo dono... e qualcos'altro. Non capisco..."

Phoebe: "Mah... non so proprio chi possa avermela mandata... davvero, eh! Non vedo l'ora di arrivare a casa per vederla..."
Mamma: "Eh!"
Phoebe: "Sono proprio curiosa di saper... Ehi! Un momento, ferma tutto. Hai letto il biglietto??? MAMMA!!!!!"
Mamma (colta in fallo): "Ehm, chi... io? Ehm... Bèh, dovevo! E se era una bomba??"
Phoebe: "..."
Mamma (sempre più concitata): "E poi il biglietto non era chiuso"
Phoebe (scettica e col sopracciglio alzato): "Vorresti forse dire che il biglietto era pinzato sul cellophane o sulla carta?"
Mamma: "No, era dentro una bustina"
Phoebe: "Allora vedi che l'hai aperta???"
Mamma: "Ma che vuol dire? Non era chiusa, c'era solo il lembo infilato dentro! Se non volevano venisse aperta da chiunque dovevano incollarlo!"
Phoebe: "ma spiegami... lo dovevano chiudere con la fiamma ossidrica????"
Mamma (consapevole che la miglior difesa è l'attacco): "Vedi? Con te non ci si parla... Che deve fare una povera, vecchia e stanca madre?? Non sei equilibrata. Non capisco perché non vieni al corso di yoga anche tu."
Phoebe: "..."
Mamma (in tirata zen): "Se solo tu conoscessi di più il tuo karma, scopriresti che prendertela per queste picc..."
Phoebe (ora arrabbiata davvero): "Mamma, piantala co'ste menate yoga. Te l'ho detto mille volte: non voglio che mi apri le lettere, la corrispondenza,i bigliettini e simili. Non voglio che tu mi apra nemmeno la pubblicità dell'Ipercoop, chiaro??? Se voglio te la faccio leggere io, cazzo!"
Mamma (che oramai ha assunto la posizione dell'albero): "Non capisco perchè tu te la prenda così. In fondo non c'era scritto nulla. Ed era aperto. E soprattutto non dire parolacce per favore."
Phoebe:"Mamma, sei pregata di considerare il fatto che ho la veneranda età di 31 anni! Non ti puoi comportare sempre come quando alle medie inferiori leggevi di nascosto il diario di mia sorella! E cazzo lo dico quando mi pare, ok??"
Mamma (nella posizione del loto): "Guarda che io facevo bene a spiare tua sorella, lo fanno tutte le mamma che credi? Dovevo sapere."
Phoebe: "Ma che vuol dire se lo fanno tutti, mamma!!! A parte che non è vero, e poi che vogliamo fare? Siccome tutti picchiano i bambini, li picchi pure tu?"
Mamma (all'improvviso isterica): "Io non vi ho mai picchiato!!"
Phoebe: "Ma che vuol dire, era un esempio!!! Va bene, basta, mi arrendo..."
Mamma: "Insomma, mi chiedi scusa?"
Phoebe (esausta e sconsolata): "No, mamma, mi arrendo e basta. E' inutile..."
Mamma: "Sei la solita esagerata. Con questa storia del rispetto la fai troppo lunga. Che sarà mai se sono andata a leggere un bigliettino. Che poi, non era nemmeno niente di ché. Fosse stata una lettera d'amore, allora sì che sarebbe stata una cosa interessante. Ma così, nemmeno la sodd..."
Phoebe: "TUTUTUTUTUTUTU..."

I genitori non si possono educare, c'ha ragione chi giustamente me l'ha fatto notare di recente.
Un povero figlio trentenne può illudersi che sia possibile e nel breve periodo bearsi in questa chimera, ma alla conta dei fatti non si può.
Proprio no.
Bisogna tenerseli così come sono finché si resiste, non c'è scelta alcuna.
E pregare Iddio che, nel caso eventuale e disgraziato che si procrei, non ci si involva in creature similari. C'è chi dice che non si smette mai di essere figli, e non è permesso nemmeno evolversi in Figli 2.0 (ovvero la versione con indipendenza riconosciuta).
Appena si entra nel raggio traente di azione parentale si è spacciati: fine della privacy, fine della propria intimità e fine del tanto blaterato ed osannato rispetto. Si torna immancabilmente ad essere la bambina con le trecce ed un dente ogni quarto d'ora che non si sa allacciare le scarpe da sola perché fa il nodo al contrario.
Non serve nemmeno andarsene di casa.
E' perfettamente inutile.
Ti aspettano al varco, reclamando il loro posto d'onore nella tua vita e ficcando il naso anche dove non si può. I genitori ti trovano sempre, meglio dell'FBI.
Scappare non si può, non c'è via di fuga.
I genitori ti trovano anche se provi a scappare in Costarica.

Perlomeno i miei...

 

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento
29 giugno 2007 5 29 /06 /giugno /2007 00:02
Ho ascoltato Radio Deejay per tanti anni. Non tanto per la programmazione, ma per i personaggi.
Adoravo Fabio Volo, Linus e Nicola, nonché ovviamente l’uomo dei sogni, Alessio Bertallot, e la sua voce suadente.
Certo, se in linea generica, la programmazione musicale dell’emittente è una schifezza.
Più o meno, è quella che potrebbe piacere ad un sedicenne arrapato e brufoloso.
Decisamente troppo unz unz per i miei gusti, anche se con le dovute eccezioni.

Ma nella radio io non cerco solo musica.
Abituata a medio-lunghe percorrenze mi piace anche la radio parlata, purché discreta, intelligente e divertente. Così, piano piano, ho integrato con Radio 2 ed il suo intrattenimento sicuramente più colto.
Ma mi mancava qualcosa.

E così un giorno, a causa del favoloso ed ipertecnologico rds della mia radio, all’improvviso mi sono trovata catapultata dentro Play Radio. Buona musica, mai banale. Un intrattenimento piacevole, allegro, interessante. Una radio giovane, nata dalle ceneri di RIN più o meno un paio di anni fa, snella e senza troppe sovrastrutture. A qualsiasi ora del giorno, una radio vivace, interattiva, al servizio pieno dell’ascoltatore.
Andare la mattina in ufficio accompagnati da “Il buono, il brutto ed in cattivo”, dove troneggia Tommaso Labranca e Luca Viscardi (nonché il mitico Cinaciabella) è diventata una piacevole abitudine, un appuntamento con una ironia che vorrei trovare anche in TV. Play Radio è diventata casa mia. Ho pure partecipato ad un Play Now, nonostante non avessi mai nemmeno pensato di provare a telefonare ad una radio, vincendo adesivi e gadget assortiti, nonché l’ultimo libro di De Carlo (da me criticato in diretta). E c’è chi mi riconobbe al volo. Strano, ma vero. Potere della radio. Play Radio, mi dicono, sabato 30 giugno alle 20 chiuderà i battenti. Per sempre. Per una manovra finanziaria che non sono tanto riuscita a capire, è stata acquisita da Finelco (che possiede già 105 e RMC) che ha deciso di chiudere baracca e burattini, smantellando fino da sabato sera gli studi da dove trasmetteva.
Sulle sue frequenze, come spiega Luca Viscardi che di Play radio è il direttore, nascerà Virgin Radio, che promette di essere l’ennesima radio generalista e qualunquista.
Grazie, ne avevamo davvero bisogno.

A parte l’ironia, vorrei ringraziare tutti quelli che mi hanno intrattenuto in questi mesi, dalla Giada e Stefano Gallarini (con cui ho avuto il piacere di parlare) fino alle repliche a tarda notte di Fabio Canino, che accompagnano il mio ritorno a casa.
Grazie.
Mancano due giorni alla chiusura e mi chiedo: come farò da lunedì?
Chi mi terrà compagnia?

Sono orfana, aiutatemi…

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento
26 giugno 2007 2 26 /06 /giugno /2007 00:05
Ho tanti ricordi della mia infanzia.
E’ curioso, ho davvero tante immagini, sensazioni, flash di me bambina, ed ho rimosso gran parte delle medie.
Cervello selettivo?

Quand'ero piccola, intorno ai quattro anni, il più bel passatempo delle sere d'estate era andare in riva al lago al chiosco.
Capita di avere ricordi vividi di quell'età, flash di una esistenza semplice e pulita, lineare come non potrà essere mai più.
Ed era bellissimo uscire di casa per mano ai miei genitori, le braccia allungate verso l'alto a raggiungere la mano tesa di mio padre.
Camminare per il paese giocando all'aeroplano, staccando i piedi da terra e dondolandoli, ché tanto mamma e papà non ti lascerebbero mai cadere.
Mai.
Dondola, dondola arrivare fino al lungolago e correre a perdifiato per accaparrarsi l'altalena più bella. proprio quella appesa sotto lo scivolo.
Non sempre ci riuscivo, spesso ci trovavo qualche ragazzino sdentato e prepotente e allora immaginavo di avere un drago tipo Elliot come amico, pronto a spazzare via l’infingardo e a proteggere me, la principessa. Ho sempre adorato l’altalena.
Andare su e giù, spingere coi piedi e immaginare di volare via, senza peso, incontro al tramonto. Su e giù, volare, sempre più forte, sempre più in lato.
Fin dentro al sole che si buttava nel lago per andare a dormire.

La cosa più bella dell’altalena sotto lo scivolo erano le catene che la tenevano su.
Erano proprio catene, non erano rigide o simili.
Se giravi su te stessa, si arrotolavano.
Strette, strette, sempre più strette.
E le arrotolavo proprio finché ne avevo la forza, finché la catena tutta avvinghiata mi arrivava sopra la testa.
Allora e solo allora, mi guardavo intorno alla ricerca dei miei genitori.
Aspettavo un momento di distrazione, una chiacchiera con un conoscente o il gelato che si scioglie concentrando su di sé tutto il mondo. E poi alzavo i piedi.
Iniziava la corsa folle.
All’inizio tenevo gli occhi chiusi, spaventata dalla velocità.
Poi, quasi sempre, trovavo il coraggio ed aprivo i miei grandi occhi nocciola verso la metà della corsa, quando la velocità diminuiva.
Accoglievo sempre con sorpresa lo strappo della corda che si riarrotola e va  a ricominciare la sua corsa, con la paura che potesse strapparmi via dal mio trono.
Ancora, ancora ed ancora, fino alla fine, sempre più lentamente, secondo una formula matematica che non so calcolare.
Ed alla fine rimanevo lì, coi piedi ben fissati nella sabbia grossolana del campo giochi ed il cervello confuso da tutto quell’inutile girare.

E’ stato curioso ritrovare una esperienza simile alla mia in Caos Calmo.
Il fratello del protagonista definisce il momento prima dello srotolarsi della catena, quell’ansia, quell’aspettativa di gioia, quella tensione, il momento più felice della vita. Per me, invece, il momento più bello la fine.
Piedi piantati a terra e cervello in cortocircuito, il mondo è mischiato in un caleidoscopio improvvisato. Sin da bambina, ho sempre pensato che il mondo immaginato potesse essere migliore di quello vero, un porto sicuro, un rifugio.
Una casa.
Migliore della mia.
Dove i genitori non urlavano.
Dove tutti sorridevano.
Dove una bambina di quattro anni era ascoltata.
Il mondo mischiato mi piaceva per questo, era diverso dal reale.

Oppure è vero che, nel casino, le cose si intuiscono con maggior chiarezza.
Forse dovrei risalire ancora una volta sull’altalena ed arrotolare le catene.
Ma alzare i piedi sarebbe difficile, la catena sarebbe troppo corta per me e l’effetto non sarebbe lo stesso.

Ma magari aiuterebbe…

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento
14 giugno 2007 4 14 /06 /giugno /2007 23:53
All’inizio fu la corsa.
Cosa c’è di meglio quando i problemi affollano il cervello e si vuol staccare la spina?
Correre.
Correre a perdifiato, controllando il respiro, coi muscoli tesi allo spasimo.
Un passo via l’altro, ancora ed ancora. L’unico problema è questo, correre.
Correre e sentire la strada sotto i piedi che passa. O anche solo immaginarsela.
Un passo e poi ancora un altro, e un altro ancora. Come se fosse l’unica cosa importante, come se non esistesse altro al mondo.
Svuotando la testa.
Ho iniziato a correre in un periodo nero della mia vita. Una grossa delusione sentimentale mi stava spingendo dentro un baratro di rabbia e dolore in cui mi crogiolavo. Correre mi ha aiutato.
Un’ora, un’ora e mazza, a volte anche due.
Correre sul tappetino, visualizzando un mondo che non c’è, sentendo i muscoli doloranti ed ignorando i loro segnali d’aiuto, ancora e ancora, con le gocce di sudore che colano giù dalla schiena.
E arrivare a casa stanca, svuotata, finita.
Buttarsi e letto e dormire, esausta, senza lambiccarsi il cervello.
Dormire sfinita, coi muscoli delle gambe che bollono ed urlano il loro disappunto.
Mi ha aiutato.
Tanto.
Ma la mancanza di tempo e le problematiche ormai note del mio piede ne hanno diminuito nel tempo l’efficacia. Così mi sono dovuta trovare qualcosa di più performante.
Certo, corro ancora, ma non mi regala più il sollievo di prima. Quindi, mi sono dovuta ingegnare ad esplorare nuove realtà.
Non di solo step coreografato si campa, alla fine della fiera.
Così, dopo aver provato un po’ di tutto, ho riscoperto la boxe, o meglio, la fitboxe.
Cos’è, vi chiederete voi profani.
Si tratta, in pratica, dell’allenamento della boxe messo a tempo di musica. Una combinazione fatta di ganci, jab, montanti, cross, calci, ginocchiate e chi più ne ha metta.
Divertente, aerobica, allenante.
Pare che faccia persino molto bene alla linea e che sia molto tonificante. Aiuterà nell'eterna lotta contro la cellulite?
Senza considerare il lato sociale, visto che la mia classe di fitboxe sembra metà da un manicomio e l’altra metà da un penitenziario.
E non c’è niente di più defaticante per il mio cervello di quattro risate e due cazzotti tirati al punchball, magari visualizzando.

Ecco sì, il segreto è proprio questo.
Stai lì, a prendere a mazzate il povero ed indifeso punchball, e all’improvviso esso prende forma, cambia, si trasforma.
Non è più il docile cilindro giallo riempito di sabbia che ti stava davanti immobile e bovino. D'un botto davanti a te c’è il collega rompiballe, il ragazzo che ti ha tradito, il vigile urbano che t’ha fatto la multa, il capufficio che dopo 10 anni di lavoro non riconosce il valore del tuo lavoro.
Tutta gente che un paio di gomitate in bocca se le meriterebbe pure dal vivo, insomma.
E poi ad immaginare non si fa nulla di male.
Non credo sia nemmeno peccato.

Bum bum bum.
Jab, cross, jab. 
Bum, bum, bum.

Un cazzotto dopo l’altro, la rabbia si allenta, la tensione svanisce, il sorriso può tornare a spuntare. Montante, jab, calcio circolare. E ti immagini come sarebbe se la ginocchiata che stai per sferrare colpisse quell’imbecille proprio lì, ai gioielli di famiglia.

Cross, jab, cross.

Una bella gomitata in bocca a quella lì, che zitta proprio non ci sta mai. Saputella del cazzo, ti faccio ingoiare tutti i denti. nella mia immaginazione, evidentemente.

Non che sia una manna miracolosa o che valga come psicoterapia, ci mancherebbe.
Però nel corso dell’inverno mi ha aiutato a buttar fuori la rabbia repressa.
Non tutta, ma un po’ sì.

Per l’autunno mi sono messa in testa di frequentare una palestra dove si pratichi anche la boxe femminile. Non che voglia diventare la nuova Maggie Fitzgerald, non ne ho né la stoffa né il fisico.
Ma per ora lo trovo estremamente divertente e rilassante.
Poi, magari tra un anno, mi passerà e troverò qualcos’altro con cui dominare il mio caratteraccio.

Speriamo di non appassionarmi al bungeee jumping…

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento
9 giugno 2007 6 09 /06 /giugno /2007 21:02
Non ho mai saputo accettare complimenti.
Di nessun genere, nessuno.
Nè sulla mia capacità di scrivere, né tantomeno sul mio aspetto fisico.
Mi schernisco, ci faccio una battuta, minimizzo. Non sono proprio capace di dire:”Grazie!!” ed incassare con un sorriso.

Mi ricordo ancora un evento traumatico della mia adolescenza.
Ero uscita con una mia cugina più grande, avrò avuto 13 anni sì o no. Mi si avvicina un ragazzo più grande, inizia a chiacchierare.
Ad un certo punto, molto innocentemente, mi dice: “Lo sai che sei molto carina?”.
Niente di ché.
Solo che io non dormii per giorni. Perché? Non lo so. Non mi sembrava possibile. Non mi sembrava reale. In fondo ero (e sono) molto diversa dai personaggi della tv o del cinema. Quel giorno ammutolii.
Anzi, passai tutta la notte con gli occhi sbarrati a guardare il soffitto.
Allucinata.
Di sicuro, pensavo, mi prendeva in giro.

Oggi invece, ci rido su.
Faccio una battuta ironica, annullo l’uomo che ha tentato ardimentoso la via della ruffianeria. Rido.
Non divento nemmeno rossa in viso, non mi è mai successo.
Forse è la pelle olivastra, forse non so come si fa.
Ma non sono mai arrossita.
Posso aver sentito avvampare il viso, ma non mi si è mai colorato.
Ergo, non è timidezza la mia, e nemmeno falsa modestia.
Temo che la mia incapacità di accettare complimenti derivi molto semplicemente da una mia insicurezza vertiginosa e dalla scarsa considerazione di me.

Non mi sento bella, ma nemmeno piacente.
Certo, non sono Ugly Betty, ma non è che ci vada poi così lontano. Diciamo che sono più vicina a lei che a Gisele Bundchen.
Oggi, poi, va molto meglio rispetto ad una volta.
Ma, come tutti, ho passato l’adolescenza a sentirmi una cugina di primo grado di Mariangela, la figlia del ragionier Fantozzi, ignorata dai ragazzi e schiava della crema contro i brufoli nonché di una frangia che proprio non voleva stare a posto.
Con gli anni, sapienti trucchi appresi da Cosmopolitan, l’estetista, la palestra e una buona dose di ironia hanno forgiato corpo e anima della trentenne di oggi.
E così mi schernisco se mi dicono che ho begli occhioni. “Sì, occhi da Bambi” rispondo enfatizzando il battito delle ciglia prendendo in giro l’improvvisato adulatore.
Normale.
Regolare.
Capita.

Ma capita anche che, dopo anni, incontri di nuovo una persona che non vedevi da tempo e che, a dirla tutta, conoscevi poco anche allora. E che chiacchierando obbligati dalla noia impellente della fila alle poste lui ti dica:”Sai, sei sempre bella e in forma, come quando eravamo ragazzini e nel quartiere eravamo tutti un po’ innamorati di te”. 
E io, eccomi lì.
Ammutolita come a 13 anni.
Zitta, senza parole.
E considerando che sono famosa per la mia prolissità, non mi capita spesso.

E tutto il giorno ho continuato a pensarci su.
Magari non c’ho capito nulla della vita.
Mi sono sempre sentita bruttina, inadeguata e grassottella mentre, magari, andavo bene lo stesso così. E la mia insicurezza era tale da impedirmi di vedere gli atteggiamenti degli altri intorno a me. E ho perso occasioni, vissuto paranoie inesistenti, alzato muri inutili. 
Forse.
Forse dovrei imparare ad accettare i complimenti col sorriso sulle labbra, cominciando a crederci non dico del tutto, ma almeno un 1%. Perché è vero che non sarò mai una che se la tira, ma almeno un po’ di autostima in più mi ci vorrebbe.
Non dico tanto, ma alternarla al cinismo esasperato non sarebbe male.
Certo, avrei bisogno di abituarmi gradatamente, di sentire spesso apprezzamenti carini.

Insomma, mi aiutate voi?  Sono in attesa...

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento
4 giugno 2007 1 04 /06 /giugno /2007 00:54
La sonnolenta provincia di Perugia non finisce mai sui rotocalchi. troppo poco interessante, troppo noiosa e piccolo borghese.
Ma ecco che all'improvviso è su tutti i giornali.
E non per le sue bellezze, né per Umbria Jazz e nemmeno per il Minimetrò.
A scatenare giornalisti ed animi pruriginosi di tutta Italia è l'efferato crimine che nella notte di giovedì 24 maggio si è compiuto a Compignano, paesino di cui persino io ignoravo l'esistenza, perso nella vasta e piatta campagna marscianese.

Riassumendo brevemente, è stata trovata morta dal marito Barbara Cicioni, donna umbra poco più che trentenne, incinta di otto mesi e già madre di due
bambini. All'apparenza sembra chiaramente un tentativo di rapina finito male.
Giovedì sera il marito era uscito per sistemare i macchinari della loro lavanderia al posto di lei che si sentiva stanca per la gravidanza ed il caldo, ed al suo ritorno l'ha trovata in una pozza di sangue davanti alla cassaforte spalancata.
I bambini dormono in camera, ignari.

I giornali blaterano immediatamente sulla mancanza di sicurezza pure nei paesini umbri che se
mbrano addormentati tra le colline ("Non c'è più religione, signora mia!!!"), l'opinione pubblica strilla a prescindere contro gli immigrati extracomunitari, rei di tutta la criminalità delle terre emerse. E anche dei sette mari, ovvio.

Ma i conti non tornano da subito.

E qui esce fuori il Grissom che c'è in tutti noi. Non ci sono segni di effrazione, tanto per cominciare. E anche la cassaforte sembra aperta con le chiavi. Si inizia ad indagare nella famiglia della vittima, primo sospettato l'addolorato marito.
Salta così fuori che nella sua macchina ci sono tracce del sangue di Barbara e che l'ora del decesso risultante dall'autopsia è precedente a quella in cui lui ha dichiarato di essere uscito da casa. Bel casino.
Il caso monta.
Ora tutti sanno dell’esistenza di Marsciano.

Anche la blogosfera si interessa ai particolari ed hai risvolti più sordidi della vicenda.
I magistrati indagano.
Esce così fuori che il maritino, la cui foto in lacrime con la testa tra le ginocchia ha fatto il giro dell'Italia sulle prime pagine dei giornali, non è proprio uno stinco di santo.
Picchiava la moglie ed i figli, a quanto pare.
Giocava d’azzardo.
Andava per nightclub.
Tutti sapevano, nessuno diceva nulla.

Perché, si sa, i panni sporchi si lavano in casa e non nella piazza del paesello. Insomma, una classica violenza domestica finita
male.
Come tante.
Movente, pare, la gelosia e la certezza che la figlia che Barbara aveva in grembo non fosse sua.
Sembra una trama scontata di un film dossier americano qualunque.
La folla insorge, nasce un parapiglia. Spaccino rischia il linciaggio in piazza da parte dei suoi stessi concittadini  che invocano a gran voce la pena di morte.
Resa più inquietante dallo stato avanzato di gravidanza della vittima e dal contesto: un piccolo paesino bucolico dove, si crede, che il tempo si sia fermato e valgano ancora i vecchi valori.

Già, ma quali sono questi “valori”.
Ed ecco comparire approfondimenti e reportage sull’arretrata campagna umbra, ferma alla società patriarcale degli anni ’50, con la figura del padre-padrone che ha il potere di vita o morte sulle donne che dormono sotto il suo tetto.
Da paradiso bucolico ad anticamera dell’inferno.

Ma Compignano, Marsciano, Perugia o l’Umbria tutta non sono diverse dal resto del mondo.
Anzi. Sarebbe bello se fosse così.
Ma la violenza domestica accomuna tutto il mondo. Nascosta tra le mura domestica, è una violenza che unisce tutto il mondo nei secoli dei secoli. Una maledizione illogica, fatta di silenzio, dolore, mortificazione, bugie.
Perché mariti e padri non vengono denunciati?
Perché tutti fanno finta di non vedere?
Tutti, tutti sapevano.
Parenti, amici, vicini di casa di Barbara.
Ora tutti sapevano.
Ma ieri?

Tutti zitti a guardare da dietro le persiane, mentre ora in strada ad invocare il cappio al collo.

E’ anche colpa loro.

Loro erano lì.
A guardarla abortire dalle percosse nel lontano ‘99, a gua
rdare i lividi, ad ascoltare le bugie, i “sono caduta dalle scale” veri come una moneta da tre euro. Picchiata davanti ai figli, Barbara.
Una vita di paura, paranoia, dolore, colpe inesistenti.
Tutti sapevano, anche il prete del paese.
Ma nessuno ha fatto nulla, nemmeno Barbara. Nemmeno Barbara ha fatto una cosa per sé. Come tante altre donne sparse nel mondo.
Centinaia, migliaia, milioni.
Senza voce, senza un volto diverso da quello della rassegnazione.
Perché una donna accetta tutto questo? Perché lo sopporta e lo impone ai figli e facendoli vivere nel terrore? Come saranno da grandi questi innocenti?
Perché non prende le valigie e scappa, non imbraccia un ferro da stiro e spappola il cervello dell’animale che la tiene sotto il giogo della violenza?
Cos’è che la ferma?
Le convenzioni sociali, la paura, la vergogna?
In un’era in cui le donne hanno intrapreso la via dell’indipendenza morale ed economica, nonché dell’uguaglianza dei diritti, sopravvivono ancora sacche di Alto Medioevo?
Non lo so.
Inutile far invocare la pena di morte dalla piazza inferocita. A che può servire? Non certo ad aiutare Barbara o la piccola vita che portava in grembo. E nemmeno tante donne come lei.

Non so nemmeno dire cosa farei se capitasse a me. Sopporterei, magari in nome dell'amore?
Non lo so. So solo per certo che la mia famiglia mi proteggerebbe anche contro la mia volontà, obbligandomi a reagire e strappandomi ad un dolore senza senso.

E forse quello che è mancato a Barbara è proprio questo.
Un conforto.
Una presenza amica e forte accanto  che le facesse capire che la sbagliata non era certo lei.
Un angelo custode.

Ora, in cielo, ce ne sono una coppia in più.

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento
30 maggio 2007 3 30 /05 /maggio /2007 20:24
Com'è bello il Trasimeno in primavera ed in estate.
Al tramonto specialmente, tutto si tinge di rosa. L'atmosfera è raccolta, come se volesse abbracciarti e consolarti di tutti i mali.
L'aria profuma di ginestre e gelsomini.
Le rane gracidano tra le canne.
Le cicale attaccano la loro nenia.
Bellissimo.
Bucolico.
Chi non vorrebbe vivere qui?
E' il posto ideale.
Certo.
A parte il fatto che non abbiamo mezzi pubblici.
Che la posta mi arriva una volta alla settimana.
E che avere l'ADSL pare essere un'utopia.
Almeno, così sembra.

Perchè, nonostante le mie disavventure, io sono un Capricorno. E chi ha la (s)fortuna di nascere in questi stramaledetti trenta giorni a cavallo tra dicembre e gennaio, secondo chi crede nell'astrologia è terribilmente testardo.
Testone fino all'inverosimile. Tignoso, per dirla alla perugina.
Così, seguendo i consigli più disparati, ho contattato chiunque potesse darmi un minimo di prestazioni dignitose. Stiamo sempre parlando di internet, non fate i pruriginosi.
Ho bussato a tutte le porte, ma niente. Sembrava impossibile. Finché Luca, un fedele lettore del mio blog nonché mio concittadino, mi ha consigliato di andare a sentire alla Vodafone. la cosa non mi piaceve granché: l'idea di navigare usando il telefonino non mi sconfinferava.
Ma sono andata lo stesso, forte di essere un cliente Top Club. Già, perchè la Vodafone è veramente una compagnia classista: più spendi, più punti accumuli, più vantaggi hai.
Quindi, sa accumuli un mastodontico numero di punti in un breve periodo, hai vantaggi elitari per sempre: il call center gentilissimo, offerte speciali, omaggi, coccole ai piedi. Ah, no... questo no. Peccato però.
Comunque, io cliente Top Club ci sono diventata girando i punti dell'IP in quelli della Vodafone. Chiaro? No? Sembra complicato, ma non lo è se uno dei tuoi più cari amici d'infanzia è proprietario di una pompa di benzina.
Ma torniamo a noi.

Vado.
E l'offerta è questa: 100 ora al mese di navigazione senza limiti di traffico, fine settimana free, connect card compresa. Costo: € 30,00 al mese.
Certo, bisogna stipulare un abbonamento di 18 mesi.
Son lunghi.
Vabbè.
Mi butto.
Stipulo il contratto, forte del fatto che "Se il telefonino ti si connette alla linea UMTS, allora l'adsl funziona anche a casa tua".
Sto per firmare quando il ragazzo del negozio mi fa:"Ma che sistema operativo hai?"
Phoebe:"Xp... perchè?"
Commesso:"Non è che c'ha la versione Media Center?"
Phoebe:"Ma che ne so, c'ho Xp!"
Commesso:"Guardi che se ha Media Center non le funziona. C
i pensi bene, ma in fretta che mercoledì (ndr. Tra tre giorni) scade l'offerta e poi la connect card la deve pagare".

Cazzo.
Ops, volevo dire caspita.

Torno a casa trafelata, guardo sulla scatola.
E' Media Center.
Merda.
Ops, volevo dire accidenti.

Mi attacco al telefono e inizio a scocciare tutti quelli che possono anche solo lontanamente capire qualcosa di infomatica tra cui il mio guru.
Tra empiriche soluzioni e proposte di update che manco l'Enterprise, decido che l'unica è la vecchia maniera. Portare il mio notebook fisicamente lì e vedere che succede ad infilarci dentro 'sta caspita di connect card.
Arrivo, piazzo il mio pupo, ci infilo dentro la connect card.
Descritto così, sembra qualcosa di sconcio...
1,2,3... si parte!!!
Funziona, in barba al Media Center, i kb scorrono a fiumi sul mio pc.
Datemi una penna, datemela!!!
Arrivo a casa felice come una bambina di 6 anni a cui hanno regalato Barbie Fiori di Pesco.
Accendo.
Clicco.
E non funziona.
NO! NO! NO, NO, NO!!!
Ma com'è possibile?
Vivo forse nel Triangolo delle Bermuda?
No, non è giusto!!!

Chiamo il 190.
Sono cliente Top Club e mi rispondono in un battibaleno.

Tipa del 190:"Buonasera, sono XXXX, come posso aiutarla?"
Phoebe: "Guardi, non mi funziona la scheda internet"
Tipa: "Ma campo ce l'ha?"
Phoebe:"Sì, tre tacche"
Tipa:"E quindi?"
Phoebe (spazientita): "E quindi non funziona. Mi dice che c'è campo ma non riesce a scambiare dati"
Tipa: "Capisco..."
Phoebe:"..."
Tipa: "..."
Phoebe (isterica): "Ma allora?"
Tipa: "E allora niente, se non funziona, non funziona."
Phoebe:"Mi scusa, ma che ragionamento è? Io ho fatto un abbonamento da 18 mesi e ora non funziona??!"
Tipa: "E poi lo deve pagare! Non può rescindere il contratto!!"
Phoebe (sull'orlo di una crisi nervosa): "E certo, come no? Perchè siete belli!!"
Tipa: "Guardi, al massimo posso aprire una segnalazione, ma non so..."
Phoebe: "Apra apra"
Tipa: "Richiami giovedì"

Pregando ho aspettato giovedì.
E venerdì.
Infine il fine settimana.
Poi, un lunedì di maggio mentre fuori infuriava il temporale, per sfizio faccio un tentativo.
Funziona.
FUNZIONA!!
FUNZIONAAAA!!!


Improvviso una mazurka con la mia gatta (che vista la veneranda età rischia la sublussazione dell'anca) e inizio a saltare sul letto come una assatanata. Finalmente anche il Trasimeno è un posto civilizzato.

E vissero per sempre connessi e contenti...

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento
24 maggio 2007 4 24 /05 /maggio /2007 01:07
Leggere non è un passatempo come un altro.
Non è come fare la maglia, o piantare un roseto. Massimo rispetto per tutti gli hobby, per carità, anche per l’uncinetto.
Mia madre è una campionessa del punto catenella avvitato all’indietro e carpiato in avanti.
Il punto è che leggere non è solo un modo per far passare le noiose code dal dottore o alle poste. Non è connesso nemmeno alla voglia di conoscenza o alla necessità di imparare qualcosa. Semplicemente leggere è una passione.
Leggere è la voglia di entrare in un mondo nuovo, aprire le finestre ad una vita che non è la nostra e sederci dentro comodamente. Vivere emozioni, storie e luoghi lontani.
Affogare in sentimenti che non ci appartengono, scovare posti, vivere vite.
Scordarsi per un attimo di essere Phoebe e diventare qualcuno diverso.
Simile o opposto.
Comunque diverso.
Leggere è guardare dentro uno specchio deformante: non siamo del tutto noi, ma non siamo nemmeno un’altra persona.
Un pezzettino di noi rimane, storpiato dalla foga della narrazione. Eppure è lì, presente, in uno scambio senza fine tra cui legge e chi mette le parole sulla carta.

Il mio amore per la lettura, nonché la feticistica passione per il possesso dei libri, mi hanno spinto a rispondere alla catena lanciatami dal duo di di CoffeePlease.

Cinque incipit di libri importanti, che hanno significato qualcosa. Non i più belli, non i più importanti. Solo cinque libri che hanno significato qualcosa.
Eccoli a voi.

Il teorema della mucca nuova - Laura Zigman
Se un anno fa qualcuno mi avesse domandato perché secondo me gli uomini mollano le donne e non si fanno più vivi, avrei risposto: Mucca Nuova. Mucca Nuova sta per Teoria della Mucca Nuova, che a sua volta sta per Teoria della Mucca Vecchia e della Mucca Nuova che, in sintesi, illustra un’amara, triste verità. Gli uomini mollano le donne e non si fanno più vivi perché a loro interessano solo le Mucche Nuove. La teoria non è farina del mio sacco, anche se io le ho dato un nome nuovo e l’ho perfezionata in base alle mie esigenze.

Survivor – Chuck Palahniuk
Uno, due, tre. Prova.
Uno, due, tre. Prova. Prova.
Forse quest’affare funziona. Non lo so. Neanche so se riuscite a sentirmi. Ma se ci riuscite, ascoltate. E se state ascoltando, bé, allora quello che avete trovato è la storia di tutto ciò che è andato storto. Questo è il cosiddetto registratore di volo del Volo 2039. la scatola nera, come si dice, anche se è arancione. Dentro c’è un nastro metallico, cioè la registrazione incancellabile di quello che resta. Quello che avete trovato è la storia di ciò che è successo.

Il piccolo principe – Antoine De Saint-Exupéry
Un tempo lontano, quando avevo sei anni, in un libro sulle foreste primordiali, intitolato “Storie vissute della natura”, vidi un magnifico disegno. Rappresentava un serpente boa nell’atto di inghiottire un animale. Eccovi la copia del disegno. C’era scritto: “I boa ingoiano la loro preda tutta intera, senza masticarla. Dopo di che non riescono più a muoversi e dormono durante i sei mesi che la digestione richiede”. Meditai a lungo sulle avventure della jungla.

Fahrenheit 451 – Ray Bradbury
Era una gioia appiccare il fuoco. Era una gioia speciale vedere le cose divorate, vederle annerite, diverse. Con la punta di rame del tubo tra le mani, con quel grosso pitone che sputava il suo cherosene venefico sul mondo, il sangue gli martellava contro le tempie, e le sue mani diventavano le mani di non si sa quale direttore d’orchestra che suonasse tutte le sinfonie fiammeggianti, incendiarie, per far cadere tutti i cenci e le rovine carbonizzate della storia.

Piattaforma – Michel Houellebecq
Mio padre è morto un anno fa. Io non credo alla teoria secondo cui si diventa veramente adulti solo alla morte dei genitori: veramente adulti non lo si diventa mai. Davanti alla sua bara ho avuto pensieri incresciosi. Si era goduto la vita, quel vecchio porco; se l’era spassata alla grande. “Ti sei riprodotto” gli dissi tra me e me con una certa foga, “hai ficcato il tuo grosso uccello nella fica di mia madre”. Diciamo pure che ero piuttosto teso: non capita tutti i giorni di avere un morto in famiglia. Il cadavere m’ero rifiutato di vederlo. Ho quarant’anni e di cadaveri ne ho già visti abbastanza; adesso preferisco evitare. Che poi è il motivo per cui non ho mai voluto animali domestici.

La mia selezione è sicuramente discutibile.
Manca molto di me, ma ce n’è anche abbastanza da far girare la testa.
Un gran calderone fatto di classici ed attualità, banalità e scelte azzardate.
Proprio come sono io.
Inoltre, come noterete cliccando sui link correlati, si tratta anche di libri dai prezzi abbordabilissimi. e al giorno d'oggi non è poco.

Passo la palla e la catena a tre lettori di un certo livello, anche se molto diversi da tra di loro: il creativo, dinamico e donnaiolo della Bassa (nonchè segretamente innamorato di me) Trip; il polemico, affabulatore e sfacciato Lucenellarete (anche se legge Dan Brown); l’affascinante Giuseppe, curioso ed alla ricerca di sé e degli altri.
Attenti a non interrompere la catena.
Chi la spezza non avrà certo sette anni di sfortuna, ma incapperà in un libro noiosissimo dopo l’altro fino alla fine del mondo e verranno torturati a suon di Susanna Tamaro e Federico Moccia.
Nei secoli dei secoli.
Amen.
E non tromberà per un anno, ovviamente.

Vedete un po’ voi…

 

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento
21 maggio 2007 1 21 /05 /maggio /2007 23:54
Leggo.
Con voracità.
Qualsiasi cosa.
Così, nonostante la mia scarsa propensione per manuali di auto-aiuto, saggi pret-à-porter e libercoli miracolosi, mi sono fatta convincere da una mia amica a bermi tutta d’un fiato un’interessante pubblicazione di Giulio Cesare Giacobbe: “Come diventare bella, ricca e stronza”.
In fondo, capirete, 124 pagine non è che siano un monte insormontabile.
Così mi sono buttata, complice una giornata passata a costruire scampoli di abbronzatura estiva.
Anche perché la seconda di copertina lo definisce pomposamente come una sorta di “Principe” di Machiavelli (mica pizza e fichi) ad uso e consumo delle donne, capace di rivelare cosa gli uomini davvero vogliono e come tenersi il partito dei propri sogni.
Addirittura?
Cavolo!
Come perderselo?

Apro una parentesi: questo libro me l’hanno prestato e costa € 12,00. Visti i prezzi dei libri, credo che cambierò presto vizio e inizierò a sniffare.
Leggere costa troppo.
Davvero.
E non ci sono promozioni o sconti che tengano.
Ce l’avete il numero di uno spacciatore?

Ma torniamo a noi. Il libro parte bene, benissimo.
Di divide in tre parti, correttamente divise in come diventare:
- bella
– ricca
– stronza.

La più corposa ed interessante è la prima parte, molto divertente e sarcastica. Da essa emerge a chiare lettere la professione reale dello scrittore: lo psicologo.
Essere belle?
Si può, tutte possiamo esserlo.
Che problema c’è?
Basta che cominciamo finalmente a credere in noi stesse, superando gli stereotipi e le fisime che noi stesse in quanto genere femminile ci siamo imposte ed abbiamo reso celebri ed inarrivabili attraverso le riviste patinate e la moda.
Mmmm… ma a imporre questi modelli sono state le donne o gli stilisti gay?
Ok, non importa, non tergiversiamo.
Taglia zero? Macché, all’uomo non importa.
Sedere station wagon? Sciocche, all’uomo piace proprio così!
Complessate dal seno piccolo?


Vabbè, non è che a tutto ci sia un rimedio, non siamo in un film americano degli anni cinquanta… accontentatevi, donne!
Alla fine, insomma, ogni donna è bella se si crede bella, se sa riscoprire e rivalutare la propria sensualità sepolta viva dal femminismo sciocco fatto di reggiseno bruciati in piazza e di tentativi di omologarsi all’esser maschio.
Una omologazione verso il basso, sia chiaro.

Il luogo della bellezza, ci ricorda Giacobbe, non è il corpo bensì la mente.
La vera bellezza è questione di autoimmagine: se crediamo di essere belle, automaticamente lo siamo. Ora, è sicuramente vero e provato che la sicurezza rende belli, valorizza e amplifica anche dove c’è poco da stare allegri. Però, sia chiaro, non fa miracoli.
Anzi, nel caso della chiattona, ti rende un’icona.

Una volta che vi sentite sicure di voi, è il momento di tirare fuori la libido che c’è in voi.
Basta fare le educande, se vi volete tenere non un uomo qualsiasi, ma quello dei vostri sogni, dovete darvi da fare e diventare delle regine del Kamasutra. Ritrovare la seduttività delle donne di una volta, coperte di crinoline eppure arrapanti.
Mignotte, ma con candore.
Facile, no?

Poi però il libro si perde in una serie di luoghi comuni così tremendamente comuni da risultare insopportabili persino a me.
L’uomo? L’uomo è una creatura sempliciotta, intrappolata nella routine lavoro/sesso/cibo. Tutto il resto è noia.
Il tradimento? Normale, normalissimo, nonché completamente avulso alla sfera dell’affettività. In fondo, fisicamente parlando, l’uomo produce miliardi di spermatozoi  a botta, mentre una donna al massimo una coppia di ovuli al mese.
Capite come sia logico per un uomo volare di fiore in fiore… non solo logico, naturale!!!
Gli uomini vogliono solo una creaturina scema che li accondiscenda e gli faccia credere di essere meravigliosamente belli ed intelligenti.
Insomma, una donna meno neuroni ha, meglio è.
Ma è davvero così?

Il libro è ovviamente scritto in chiave ironica, anche perché non è scritto da una zitella con le ruote, bensì da un uomo. C’è incomunicabilità tra i sessi, è vero.
Confusione di ruoli.
Gli uomini sono davvero tutti tori al pascolo alla ricerca sempre di nuove mucche da montare e pronti a scappare una volta finito il tutto?
C’è solo questo?

Tuttavia, l’ironia tanto sbandierata per tutte le 124 pagine non basta a compensare l’inconcludenza e la ripetizione vana dei concetti. Per non parlare della banalità con cui vengono trattate paranoie umane e canoniche differenze uomo/donna.
Certamente riduttivo.

Non posso dire che sia un’opera geniale, e certamente non è assimilabile al buon vecchio Niccolò, ma può essere certamente da spunto per una riflessione.
Siamo tutti ossessionati dalla ricerca dell’altra metà della mela. Bramiamo una persona “perfetta” per noi e desideriamo esserlo noi stessi.
Perfetti.
Come la Barbie, come i protagonisti di Beautiful.
Come Brad Pitt ed Angelina Jolie.
Siamo ossessionati.

Dimenticando la bellezza vera.
E se questo libro, riscoprendo e ribadendo l’invenzione dell’acqua calda, può far riscoprire anche solo ad una donna (o ad un uomo, perché il complessato del nuovo millennio è proprio il sesso forte) la fiducia in sé stessa e la consapevolezza di esser bella anche con quel rotolino lì… ben venga!
C’è da precisare che con me non ha funzionato.
Ma, cari lettori voi lo sapete, io sono patologica.

Forse per qualcuno do voi c’è ancora speranza…

 

Condividi post

Repost 0
Published by phoebe1976 - in vita vissuta
scrivi un commento

Tutto quello che c'è nella mia testa...vita, amore, arte, libri, immaginazione, musica. Il tutto naturalmente immerso nella confusione più totale. Poco? Qualche volta, pure troppo!!!

Piccolo spazio pubblicità



Varie ed Eventuali

Il tarlo della lettura





buzzoole code